Muore Capitan, il cane che ha vegliato 11 anni la tomba del proprietario

Aveva commosso tempo fa l’universo dei social network, con la sua dedizione al proprietario, tanto da superare anche i vincoli della vita terrena. Capitan, un bellissimo Pastore Tedesco, aveva infatti spontaneamente deciso di vegliare sulla tomba del suo amico umano, non allontanandosi mai dal cimitero. Il fedele quadrupede è purtroppo venuto a mancare, a 11 anni di distanza dalla scomparsa del proprietario.

Il tutto accade in Argentina, nella città di Cordoba, dove per oltre un decennio il cane è stato un inquilino ben voluto da tutto lo staff del cimitero locale. La storia è cominciata nel 2006, alla morte del proprietario dell’animale, Miguel Guzman: il quadrupede non deve aver evidentemente accettato la dipartita del compagno, tanto da non volersene separare.

=> Scopri la storia di Capitan


Fuggito dalla sua abitazione pochi mesi dopo il funerale, Capitan è stato rinvenuto qualche settimana più tardi dai proprietari, durante una visita al cimitero. Il cane si trovava adagiato sulla tomba, pacifico e sereno, senza nessuna intenzione di lasciare il luogo tanto caro. E così, con anche l’aiuto dei dipendenti del camposanto, il quadrupede è diventato una vera e propria mascotte del luogo, tanto da soggiornarvi per 11 anni.

=> Scopri il gatto che non abbandona la tomba del proprietario


Purtroppo il cane è scomparso pochi giorni fa, all’età di 15 anni, a seguito di un improvviso blocco renale. Nonostante gli interventi dei veterinari, non vi è stato molto da fare per riportare Captain in salute. Inizialmente trasportato in una clinica apposita, data la diagnosi funesta i membri dello staff del cimitero e i familiari hanno optato per riportare il cane al cimitero per gli ultimi istanti di vita. Capitan, infatti, si è sempre dimostrato a suo agio solo nei pressi della tomba del suo amico umano. Eppure, nel dolore della perdita, il cane ha intrapreso il percorso sul ponte dell’arcobaleno nel luogo da lui tanto amato: a fianco del suo inseparabile compagno.

22 febbraio 2018
Lascia un commento