Il cane Chao Long era diventato molto famoso nella provincia di Chanthaburi in Thailandia, da quando tre anni fa era letteralmente piombato in zona. Il quadrupede di sesso femminile era apparso all’improvviso e gli abitanti del posto sospettano fosse caduto dall’auto che lo trasportava, oppure volutamente gettato al di fuori. Da quell’istante la povera cucciolona non ha lasciato per un solo istante il luogo della separazione, sperando in un ritorno della sua famiglia. La sua presenza fiduciosa, mesta e al contempo allegra, non è sfuggita ai passanti e ai viaggiatori. La sua vicenda ha valicato i confini della provincia attirando l’attenzione di molti amanti degli animali.

E così, lentamente, Chao Long ha iniziato a ricevere visite e saluti. Molti delle popolazioni locali di Ban Nong Khonsono si sono prodigati nel fornirgli cibo e acqua, in tanti invece hanno passato del tempo al suo fianco. Chi per coccolarla e rassicurarla, chi per fargli compagnia durante l’attesa. Per tutto il tempo il cane è rimasto un po’ a distanza, forse spaventata da tanta attenzione ma sempre seduta accanto alla strada di scorrimento e probabilmente in speranzosa attesa del suo proprietario. Ma una notizia dolorosa ha colpito i cuori di chi l’amava, la cagnolina è deceduta improvvisamente perché investita da un auto di passaggio.

=> Scopri tutte le razze di cani


Una fine crudele, improvvisa, inaspettata per la quadrupede tanto amata e adorata. Mentre la notizia del suo decesso ha fatto il giro del web, raggiungendo tutti i suoi affezionati sostenitori, un gruppo di cinofili si sta adoperando per seppellirla nel distretto di Tha Mai. Per molto tempo i veterinari di zona hanno cercato di metterla in salvo, rilanciando via social network la sua storia nel tentativo di ritrovare il proprietario. Nonostante in molti ne abbiano rivendicato la proprietà Chao Long non ha mai prestato loro attenzione, rimanendo immobile in attesa di chi l’aveva tradita. Ma il triste epilogo ha posto fine alle sue tenaci e fedeli speranze.

28 settembre 2016
Fonte:
Lascia un commento