Tra simpatici gatti e intraprendenti cani, l’universo dei Guinness dei Primati è ricco di record segnati dagli amici a quattro zampe. Giunge però dagli Stati Uniti una notizia che non farà forse felici i milioni di appassionati sparsi per il mondo: Blossom, la mucca più alta del mondo, è deceduta lo scorso mese. Si tratta del secondo esemplare da record purtroppo scomparso nel giro di pochi giorni, dopo l’addio a Tiffany Two, il gatto più anziano del Pianeta.

Blossom, una mucca da latte dall’inconfondibile manto bianco e nero, si è aggiudicata le attenzioni internazionali per una singolare caratteristica: la sua altezza. Ben 193 centimetri, un primato che le permetteva di svettare sulle compagne di mandria. Eppure, nonostante la notevole stazza, la mucca ha sempre dimostrato un animo dolce e particolarmente educato, tanto da attirare il supporto di molti curiosi.

Originaria degli Stati Uniti e accudita in una fattoria di Orangeville, nell’Illinois, le testate estere riportano come la mucca sia deceduta lo scorso 26 maggio, all’età di 13 anni. Nonostante l’improvvisa scomparsa, l’esemplare continuerà a mantenere il primato mondiale, tanto da apparire nel Guinness World Record del 2016, finché un altro bovino non le strapperà l’ambito titolo. Il riconoscimento rimane comunque molto importante, poiché Blossom non è stata soltanto una mucca da record in vita, ma al momento pare sia anche la più alta della storia.

Sempre in fatto d’altezza, vale la pena ricordare altri animali entrati nel Guinness dei Primati e subito amati dal pubblico, in particolare sui social network. Il riferimento è ovviamente ai cani più alti del mondo: Zeus e Giant George, due esemplari purtroppo anch’essi scomparsi. Il primo ha raggiunto i 2,5 metri di lunghezza e i 112 d’altezza alle spalle, il secondo misure simili, di soli 2 centimetri inferiori. Ai quadrupedi sono stati negli anni dedicati molti speciali, sia sulla stampa che in trasmissioni televisive.

30 giugno 2015
Fonte:
Lascia un commento