Muore annegato per salvare il cane

Arriva dagli Stati Uniti l’ennesima dimostrazione dell’amore che può legare cane e proprietario: un uomo della Florida, infatti, è annegato pur di portare in salvo il proprio amico a quattro zampe. L’incidente è successo al largo del lago Tarpon, in Florida, dove l’uomo si trovava con degli amici per un’uscita pomeridiana in barca.

La vittima, un pensionato di 70 anni, aveva deciso di godersi una tranquilla gita in barca per allietare il sabato pomeriggio, così come spesso accade per i residenti del luogo. Salito sull’imbarcazione insieme ad alcuni amici, l’uomo ha deciso di portare con sé Rascal, uno cane di razza Yorkshire Terrier di tre anni. Sebbene l’animale fosse ben abituato a questo tipo di escursioni, per qualche motivo non ancora ben precisato è caduto in acqua e John Patti – questo il nome del proprietario – non ha avuto indugi nel tuffarsi pur di salvare il suo amico a quattro zampe.

Raggiunto il cane e portatolo in salvo, l’uomo è velocemente scomparso fra le acque tra lo sgomento dei presenti. Inutili gli immediati tentativi di ricerca così come le battute notturne su tutta la superficie del lago, per il pensionato non vi è stato più nulla da fare. Il mattino seguente il corpo esanime è stato notato da alcuni passanti nei pressi di un’insenatura dalla folta vegetazione, quindi preso in carico dalle autorità che si premureranno di stabilire le precise cause del decesso, tramite l’autopsia. Molte le ipotesi al vaglio: oltre alla possibilità di un improvviso malore, la zona del lago in questione non è frequentata da nuotatori date le acque scure, ricolmi di batteri e spesso frequentate da alligatori.

Un vero dramma per la famiglia e gli amici, che ricordano come John fosse un uomo speciale sempre pronto a tendere una mano a chiunque si fosse trovato in difficoltà, compreso l’adorato cagnolino.

27 maggio 2014
Via:
Immagini:
Lascia un commento