Cala il numero dei fumatori in Italia, ma la cattiva abitudine del tabacco continua ad arrecare gravi danni all’ambiente. È il quadro tracciato dall’indagine Doxa commissionata commissionata dall’Osservatorio fumo alcol e droga dell’Istituto superiore di sanità.

Secondo lo studio, nel 2012 fuma il 20,8% degli italiani con più di 15 anni, per un totale di 10,8 milioni di persone. Rispetto all’anno scorso, c’è stato un calo di quasi 2 punti percentuali (allora la quota di fumatori raggiungeva il 22,7%), ancora più sensibile per quanto riguarda le donne (-2,4%) e i baby-fumatori con meno di 15 anni.

Difficile dire se il calo sia dipeso dalla crisi economica o da una maggiore consapevolezza dei danni alla salute causati dal fumo, ma in ogni caso si tratta di una buona notizia. Nonostante la diminuzione dei tabagisti, però, le sigarette continuano a rappresentare una minaccia per l’ambiente: ogni anno, infatti, vengono gettati in strada almeno 10,8 milioni di mozziconi, ciascuno dei quali impiega da 1 a 5 anni per biodegradarsi.

Non è strano, allora, che secondo l’indagine Doxa la rimozione delle cicche da strade e marciapiedi faccia addirittura triplicare il costo per la pulizia delle strade. Un problema del quale, pur essendone la causa, gli italiani sembrano essere coscienti, tanto da essere favorevoli all’introduzione di sanzioni per chi non smaltisce i mozziconi di sigaretta in modo corretto.

L’84% degli intervistati, infatti (ma la percentuale scende al 64% fra i fumatori) è d’accordo con l’introduzione di una multa da 30 euro per punire chi sporca con le cicche. Piace, inoltre, la proposta di estendere il divieto anche a parchi e giardini, apprezzata dal 58,6% dei non fumatori, agli stadi (63,4%), alle aree aperte degli ospedali (73,6%) e nelle auto in cui sono presenti dei bambini (91,4%). Il 78,2% degli italiani, infine, sarebbe favorevole all’introduzione del divieto di fumo per chi è alla guida.

5 giugno 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Carlapasi, venerdì 24 agosto 2012 alle9:26 ha scritto: rispondi »

sono favorevole. abito in campagna e qualche volta ai margini della strada si vede che qualcuno ha svuotato il posacenere dell'auto. pensa che rispetto per la natura e per il prossimo!

Andreadillo, giovedì 23 agosto 2012 alle9:52 ha scritto: rispondi »

Anche gli enti hanno le loro colpe e vanno segnalate! Resta comunque fondamentale l'educazione ed il rispetto per gli altri! ..... Altrimenti non cambierà mai nulla.

Denis, venerdì 10 agosto 2012 alle1:30 ha scritto: rispondi »

già... facile multare! a jesolo tutti i cestini hanno incorporato un posacenere, e quano sono lì non butto mai i mozziconi per strada. nella mia città invece ci sono una decina di portacenere solo nella via che passa nel centro. tutto il resto faccio fatica addirittura a trovare cestini normali

Maggi Giuseppe_81, martedì 5 giugno 2012 alle19:37 ha scritto: rispondi »

La multa va fatta anche agli enti pubblici che non forniscono adeguatamente le proprie citta non solo di spazi idonei ma soprattutto di cestini dei rifiuti utilizzabili civilmente allo scopo!!! E comunque basta si sta esagerando e sembra una lotta contre le streghe!!! Multiamo allora anche lo stato però che ha le sue colpe e le sue vittime!

Lascia un commento