Tre aziende che producevano mozzarella di bufala DOP sono state poste sotto sequestro dagli agenti della Guardia di Finanza. Al centro dell’inchiesta il presunto utilizzo, all’interno del ciclo produttivo, di latte adulterato. L’operazione è stata avviata nella Provincia di Caserta.

=> Allerta alimentare per acqua S.Anna da Auchan, leggi perché

Le accuse per i produttori al centro dell’inchiesta sulle mozzarelle di bufala DOP contraffatte sono piuttosto gravi: si ipotizza l’impiego di “soda caustica e latte di vaccino crudo al posto di quello di bufala e prodotto non pastorizzato”. A questo si aggiungerebbe un grave stato di abbandono e incuria per quanto riguarda le stesse vacche, che in alcuni casi sarebbe inoltre affette da tubercolosi.

A cooordinare l’inchiesta “Aristeo” è la Procura di Santa Maria Capua Vetere guidata da Maria Antonietta Troncone. Le operazioni sul campo sono state invece condotte dai militari della compagnia di Marcianise comandati dal capitano Davide Giangiorgi.

In seguito all’operazione messa in atto dagli agenti della Guardia di Finanza sono state prese misure cautelari. Alcuni degli operatori coinvolti sono finiti in manette, mentre sono scattati anche provvedimenti interdettivi che hanno visto anche il sequestro di tre delle aziende coinvolte.

10 febbraio 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Stefano, venerdì 10 febbraio 2017 alle21:17 ha scritto: rispondi »

è una vera vergogna. Spero in una condanna esemplare : senza pietà !!!

Lascia un commento