Due sorelle di 62 e 58 anni sono rimaste intossicate dal tallio dopo un’esposizione prolungata a questo metallo presente negli escrementi di piccione. Le due donne di Nova Milanese, in Brianza, si trovavano nella casa vacanze di famiglia in Provincia di Udine dove, nel fienile, è stata rinvenuta una colonia di piccioni.

=> Batteri fecali nelle tazze da caffè in ufficio, leggi il perché del rischio E.Coli

Nei loro escrementi, come abbiamo anticipato, si trova appunto il tallio, lo stesso metallo contenuto anche nei topicidi. Le esalazioni di questo metallo possono portare, se respirate per lungo tempo, ad avvelenamento. Dopo il ricovero della 62enne in coma all’Ospedale di Desio le Forze dell’Ordine hanno iniziato ad indagare per capirne le cause.

=> Piccioni utilizzati per raccogliere dati su inquinamento a Londra, leggi di più

Così si è scoperta l’infestazione di piccioni nel fienile e, probabilmente, l’esposizione prolungata al tallio potrebbe essere la causa dell’avvelenamento della 62enne e della sorella, che però si è presentata in ospedale con sintomi meno gravi. I primi sintomi di malessere sono stati riscontrati dalle donne diversi giorni fa, ma poi si sono aggravate fino al coma. Ora anche tutti i familiari delle due donne sono stati sottoposti a indagini cliniche e sono tutti risultati intossicati, anche se in modo più lieve.

Purtroppo la 62enne, in coma da giovedì scorso, è deceduta la scorsa notte e, dopo l’autopsia, si capirà se la causa del decesso è da imputare ufficialmente ad avvelenamento da “esposizione prolungata” a metalli pesanti come il tallio.

2 ottobre 2017
Immagini:
Lascia un commento