Il Mopur è un elemento fondamentale dell’alimentazione vegan e vegetariana, perché considerato una valida alternativa alla carne. Derivato dalla lavorazione con criteri biodinamici e dalla fermentazione del grano, consente la preparazione di un prodotto valido e salutare. Il termine Mopur è stato registrato dall’ideatore Beniamino Anzalone che, dopo svariate lavorazioni, ha creato un alimento sano, morbido e gustoso.

=> Scopri come preparare il seitan


Come specifica il sito ufficiale, la preparazione del prodotto si basa su un procedimento di fermentazione naturale con l’aggiunta di lievito madre, una combinazione che permette di perdere il 40% del glutine iniziale, rendendo il risultato altamente digeribile. La struttura microfibrillare e la consistenza del Mopur è simile a quella della carne, con un apporto proteico pari al 34% e una presenza di grassi molto bassa, senza colesterolo.

Mopur fatto in casa, ricetta

La ricetta originale del Mopur è segreta, ma un preparato simile si può realizzare facilmente a casa, partendo da alcuni ingredienti base presenti anche nel prodotto finito e reperibile in commercio. Basta impastare il tutto con pazienza e calma, per rendere il composto morbido e particolarmente lavorabile: la preparazione handmade richiama alla memoria la realizzazione del seitan, quindi è facilmente replicabile nella propria cucina.

Ingredienti

  • 100 grammi di glutine di frumento (negozi Bio o farmacia);
  • 200 grammi di farina di ceci;
  • 18 grammi di lievito madre essiccato;
  • 250 ml di acqua;
  • sale e pepe q.b., paprica, zenzero, curry, coriandolo, rosmarino;
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva;
  • per il brodo: sedano, carota, patata.

Versate in una ciotola capiente la farina di ceci, il glutine di frumento, il lievito madre, sale e pepe q.b., un pizzico per ogni spezia e l’acqua. Si può insaporire il tutto aggiungendo anche erba cipollina, aglio essiccato e altre spezie e erbe aromatiche a piacere, quindi impastate con cura modellando il composto con le mani pulite fino a ottenere un panetto uniforme, ben amalgamato e compatto, anche se leggermente appiccicoso. Lasciatelo lievitare coperto con uno strato di pellicola trasparente per circa cinque ore, mentre a parte preparate il bordo, lessando la patata e la carota sbucciata con due gambi di sedano, aggiungendo un pezzetto di alga a piacere.

Quando il prodotto sarà pronto, modellatelo con le mani bagnate con l’olio per conferirgli una forma cilindrica, esattamente come per il seitan, avvolgetelo in un canovaccio biologico pulito, senza tinture chimiche e lavato a mano senza detersivo. Realizzate una forma cilindrica fermando le estremità con dello spago per alimenti, ma senza stringere eccessivamente. Immergetelo nel brodo e lasciate cuocere per 45-50 minuti su fiamma dolce, scolate e fate raffreddare. Dopo aver srotolato il canovaccio, potete risciacquare il prodotto, quindi affettarlo sottilmente ottenendo un carpaccio leggero, delle fettine di 5 millimetri di spessore, o degli hamburger vegan.

=> Scopri gli hamburger di seitan fatti in casa


Si può scottare al volo sulla griglia, per non asciugarlo troppo, oppure cuocerlo come spezzatino o al forno come arrosto, con l’aggiunta di verdure, brodo e altri aromi, evitando le verdure proteiche, quindi servire come hamburger con patatine e salse. Ancora, affettato con l’aggiunta di formaggio vegan o vegetariano, prezzemolo fresco, rucola, un filo d’olio e pepe rosso, infine come ingrediente gustoso per zuppe dal mood orientale. A gusto personale, per aumentare il sapore del prodotto, si possono aggiungere all’impasto capperi e olive tritate, ma anche sostituire la farina di ceci con quella di lenticchie, piselli, fagioli o soia.

Mopur e benefici

Come anticipato, si tratta di un prodotto sano, ipocalorico, altamente proteico, con una buona percentuale di fibre e potassio, nonché facilmente digeribile. Vista l’assenza di zucchero, è ottimo per chi soffre di diabete, mentre l’assenza di sale lo trasforma in un prodotto valido in diete pensate per l’ipertensione e colesterolo alto. La ricetta è personalizzabile e, con l’esperienza e la pratica, sarà possibile ottenere un risultato sempre più gustoso e salutare.

2 novembre 2017
Lascia un commento