Mondiali Russia 2018: muore il gatto che aveva predetto le partite

I Mondiali di Russia 2018 verranno ricordati non solo per la mancata qualificazione della Nazionale italiana, ma anche e soprattutto per i suoi gatti. Così come tradizione da qualche anno a questa parte, in concomitanza con la competizione sportiva vengono scelti degli animali per predire, tramite il loro istinto, i risultati delle partite. Per la tornata in corso, sono stati scelti due gatti: Achille, un esemplare albino di San Pietroburgo, e il cinese Baidian’er. Quest’ultimo è purtroppo venuto a mancare pochi giorni fa.

Il felino, noto per il suo manto rosso e una macchia bianca sotto il naso, ha vissuto per molto tempo come randagio nei pressi della città proibita di Pechino. Nelle ultime settimane, tuttavia, è diventato famoso per la sua capacità di predire correttamente le partite dei Mondiali di Calcio: scegliendo fra due diverse ciotole di cibo, ha optato di volta in volta per la squadra ritenuta vincitrice. Tra le tante, l’animale ha correttamente indovinato la vittoria della Croazia contro l’Argentina, la sconfitta della Nigeria contro proprio l’Argentina e molte altre ancora.

=> Scopri Achille, il gatto indovino dei Mondiali di Russia 2018


Pochi giorni fa, tuttavia, l’amato felino è venuto improvvisamente a mancare, a seguito della formazione di un coagulo di sangue, dovuto a una precedente condizione cardiaca. L’annuncio della sua scomparsa, pubblicato sui social network cinesi, ha lanciato i fan nello sconforto, con più di 10.000 commenti a pochissimi minuti dall’apparizione della notizia.

=> Scopri le polemiche sui randagi per i Mondiali di Russia 2018


I fan dell’ormai al termine competizione mondiale, in ogni caso, possono contare ancora sull’aiuto di Achille, il candido esemplare russo. Il gatto, così come riferiscono le agenzie di stampa locali, ha praticamente azzeccato tutte le partite della competizione. A quanto sembra, il felino non verrà però chiamato a esprimere una preferenza sulla finale, forse per evitare discussioni e tensioni fra i tifosi delle squadre rimanenti.

9 luglio 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento