L’Arena Pernambuco, uno dei cinque stadi in Brasile che ospiteranno i prossimi Mondiali di calcio 2014 sarà illuminato grazie all’energia prodotta da moduli fotovoltaici Yingli Solar. L’impianto, da 1MW di potenza, è stato realizzato dal Gruppo Neonergia, una delle aziende del fotovoltaico più grandi del Brasile.

L’impianto a terra, il primo in assoluto installato nello stato brasiliano di Pernambuco, occupa una superficie di 15.000 metri quadri e comprende oltre 3.650 moduli Yingli Solar monocristallini della serie PANDA ad alta efficienza. Il sistema fotovoltaico riuscirà a produrre oltre 1.500 MWh di energia elettrica all’anno, pari al 30% del fabbisogno energetico dello stadio (e al consumo annuale di circa 6.000 cittadini brasiliani).

Quando l’arena non sarà in funzione, l’energia solare prodotta dall’impianto sarà immessa in rete e distribuita alla comunità locale. Per informare ed educare il pubblico al fotovoltaico, inoltre, all’interno dello stadio sarà allestito un Visitor Center che, tra le altre cose, permetterà di monitorare in tempo reale la produzione di energia dell’impianto.

Questo il commento del presidente FIFA Joseph S. Blatter:

La FIFA ha tra i suoi obiettivi quello di assicurarsi che i principi della sostenibilità ambientale rientrino nei piani di implementazione e sviluppo della FIFA World Cup 2014. Importanti progetti fotovoltaici su larga scala come questo contribuiscono a ridurre l’impatto negativo di questa Coppa del Mondo sulla società e sull’ambiente, accrescendo solo le conseguenze positive. Siamo riconoscenti a Yingli e ai suoi partner locali per averci aiutato a lasciare un’eredità positiva e duratura in Brasile.

25 marzo 2014
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Roberto, martedì 25 marzo 2014 alle18:41 ha scritto: rispondi »

Ma le partite a quale ora si giocano? se si giocano di giorno per cosa viene utilizzata l'energia prodotta? se si giocano di sera, come fanno a funzionare i pannelli fotovoltaici senza batterie di accumulatori? Viene forse sfruttato il ricavo della vendita dell'energia di giorno che va a compensare il costo notturno?

Lascia un commento