Sviluppo dell’auto elettrica, anche alla luce di normative più severe sulle emissioni, e dei sistemi di connettività di nuova generazione nonché delle tecnologie di guida autonoma. Sono i temi affrontati da Thierry Bolloré, CCO di Renault, in una intervista concessa nelle scorse ore ai taccuini di Automotive News.

Nell’intervista  il dirigente del gruppo francese (leader, attraverso l’alleanza con Nissan, nel settore della mobilità elettrica) indica quali sono le strategie in programma per la mobilità eco friendly. Riguardo al rapporto fra costo delle batterie (che si prevede in calo) e la domanda, in costante aumento, Bolloré dichiara:

È importante superare la soglia di 100.000 unità all’anno, per beneficiare delle economie di scala: e dobbiamo raggiungere prima possibile questo traguardo; penso che, tuttavia, sia soltanto questione di pochi anni.

Occorre considerare che, nel 2011, il numero uno di Renault Carlos Ghosn aveva ipotizzato il raggiungimento di un volume di vendita, per le auto elettriche, nell’ordine di 1,5 milioni di unità all’anno, grazie alla partnership Renault – Nissan: un’ambizione che si riversava sulle aspettative di un mercato nascente a livello mondiale. Prosegue Bolloré:

Il mercato è ancora limitato per i veicoli elettrici e ibridi plug–in; d’altro canto, siamo dell’avviso che questi ultimi rappresentino una valida alternativa, perché la tecnologia plug-in può essere complementare alla trazione elettrica, soprattutto nelle aree geografiche in cui la diffusione delle infrastrutture di ricarica non è ancora capillare. Per fare un esempio, con il prototipo Eolab del 2014 abbiamo raggiunto un consumo pari a 1 litro per 100 km.

Dunque sarà possibile sviluppare le soluzioni benzina–elettrico in parallelo con la mobilità 100% zero emissioni: in questo senso, l’accento viene messo sul miglioramento delle capacità e delle prestazioni dei veicoli totalmente elettrici.

Il costo di queste tipologie di propulsione va diminuendo, siccome i moduli batteria sono gli stessi per entrambe le tecnolgie. La nostra strategia consisterà nell’essere pronti per affrontarle tutt’e due

8 luglio 2016
In questa pagina si parla di:
Via:
Lascia un commento