Mobilità sostenibile: Nissan presenta il piano Sustainability 2022

Nissan punta ancora verso la sostenibilità e presenta il nuovo piano per ridurre l’impatto ambientale dell’azienda. I nuovi obiettivi sono stati definiti nel documento “Sustainability 2022“, nel quale sono elencati i metodi che la casa automobilistica giapponese utilizzerà per raggiungerli. Le nuove indicazioni sono in linea con il piano a medio termine “Nissan M.O.V.E. to 2022″.

Si tratta del primo documento che riassume tutti gli impegni e le metodologie scelti da Nissan per migliorare il proprio rapporto con l’ambiente, la società e la governance. Il tutto va a inserirsi all’interno del Nissan Green Program, programma presentato nel 2001 e con un occhio fino al 2050. Come ha sottolineato Hitoshi Kawaguchi, Senior Vice President e Chief Sustainability Officer Nissan, ha dichiarato:

Nissan Sustainability 2022 è allineato con i nostri obiettivi a medio termine: raggiungere una crescita costante e guidare l’evoluzione tecnologica nel settore automotive. Siamo certi che la mobilità sostenibile contribuirà a raggiungere un mondo a zero emissioni e zero incidenti mortali. Il nostro piano, rafforzato dalle iniziative a favore della diversità e dell’inclusione, rappresenta un importante strumento per la realizzazione di questo obiettivo.

=> Scopri la nuova Nissan Leaf Open Car, l’elettrica giapponese cabrio

Tre le macro aree inserite all’interno del piano “Sustainability 2022″: iniziative ambientali, sociali e di governance. Per quanto riguarda la prima, questi sono i punti chiave secondo Nissan:

  • Ridurre le emissioni di CO2 dei nuovi veicoli del 40% entro l’anno fiscale 2022 rispetto ai livelli del 2000, in parte grazie a una maggiore elettrificazione. Nissan, leader del mercato dei veicoli elettrici, punta a vendere 1 milione di unità all’anno di veicoli 100% elettrici o elettrificati entro l’anno fiscale 2022. Inoltre Nissan promuove sempre più l’implementazione di sistemi “Vehicle-to-Everything” (V2X) a livello mondiale per ottimizzare la gestione dell’energia.
  • Ridurre le emissioni di CO2 generate dalle attività produttive e aziendali del 30% entro l’anno fiscale 2022 rispetto ai livelli del 2005, in parte grazie all’iniziativa NESCO (Nissan Energy Saving Collaboration) coordinata da esperti globali.
  • Ridurre l’impiego di nuovi materiali del 70% entro l’anno fiscale 2022, in virtù del sempre maggiore impiego dell’economia circolare che promuove il riuso e il riciclo delle batterie agli ioni di litio che alimentano i veicoli elettrici.
  • Ridurre i composti organici volatili nei processi di produzione dei veicoli.
  • Ridurre il consumo d’acqua per unità nella produzione globale del 21% entro l’anno fiscale 2022 rispetto ai livelli del 2010.

Le iniziative sociali verteranno in modo particolare sulla sicurezza in auto e la filantropia aziendale:

  • Ridurre gli incidenti mortali a bordo dei veicoli Nissan attraverso sistemi di assistenza alla guida più autonomi come ProPILOT che sarà installato su 20 veicoli in 20 mercati entro la fine dell’anno fiscale 2022.
  • Portare le quote rosa dei comitati direttivi al 16% nel mondo e al 13% in Giappone entro il 1° aprile 2023, sia sensibilizzando tutti i livelli aziendali sul tema della diversità e dell’inclusione con appositi corsi di formazione, sia implementando proattivamente il lavoro da remoto e orari più flessibili per assecondare le diverse modalità di lavoro.

In ultimo le iniziative di governance, che comprenderanno le seguenti azioni:

  • Comunicazioni costanti sul tema della compliance nell’ambiente di lavoro.
  • Un sistema di gestione della conformità studiato e monitorato da un team di esperti dedicati.
  • L’istituzione di una funzione di audit interno.
  • La nomina di responsabili locali indipendenti dedicati interamente alla compliance che diventeranno una delle linee di difesa primarie a livello regionale.
  • La promozione di opportunità per permettere ai dipendenti di esprimere la propria opinione e per risolvere efficacemente le non-conformità attraverso il sistema di segnalazione “SpeakUp” di Nissan.
  • Una revisione della corporate governance, affidando 1/3 dei posti del Consiglio d’amministrazione a dirigenti indipendenti.

12 giugno 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento