Nel tentativo di scovare nuove idee per migliorare la mobilità sostenibile nel torinese, Toyota ha lanciato un nuovo concorso rivolto ai Comuni minori. La partecipazione alla competizione, denominata Toyota metro mobility, è riservata ai municipi, che potranno concorrere da soli o unendosi ad altre amministrazioni comunali in progetti comuni.

I progetti per la mobilità sostenibile potranno essere presentati da oggi 15 ottobre e fino al 31 dicembre prossimo. Tutti dovranno avere quale comune denominatore una viabilità urbana più agevole e la riduzione dell’inquinamento. Saranno pertanto ben accette nuove tecnologie, applicazioni e idee che puntano a decongestionare il traffico, a tagliare le emissioni di polveri sottili, a incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici e delle auto ecologiche da parte dei cittadini.

Il progetto reputato più innovativo dalla commissione tecnica riceverà in premio la nuova Toyota Yaris Hybrid. Il concorso Toyota metro mobility ha subito incontrato il sostegno del Comune di Torino. Come ha spiegato l’assessore ai Trasporti Claudio Lubatti:

L’idea ci è piaciuta subito. Innanzitutto perché spinge i piccoli centri a investire per pensare a strategie di riduzione dell’inquinamento. In secondo luogo perché esce dal capoluogo per parlare al territorio dell’area metropolitana.

Dal suo canto, la Toyota ha ben chiaro come dovrà essere la città del futuro: non un ambiente che penalizzi a tutti i costi l’auto come mezzo di trasporto, ma un luogo in cui transitano i veicoli dotati delle più moderne tecnologie per la riduzione delle emissioni. Come ha spiegato la casa automobilistica, su questo fronte sono stati già raggiunti traguardi importanti:

Nel mondo sono oggi sette milioni gli utenti che hanno scelto di viaggiare a bordo di uno dei nostri mezzi ibridi. Una tecnologia che consente l’abbattimento delle emissioni di particolato e del monossido di azoto. Le auto non sempre vanno demonizzate. Bisogna, al contrario, investire sullo sviluppo di propulsori misti.

15 ottobre 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento