Mobilità elettrica: Enel lancia le Intelligent charging solutions

La mobilità elettrica è in costante crescita sia in Italia che nel mondo. Proprio sulla e-Mobility è pronta a rilanciare la sua azione Enel, che attraverso la divisione Enel X prosegue nella realizzazione del Piano nazionale per le infrastrutture di ricarica e lancia le “Intelligent charging solutions”, soluzioni modulari e pronte all’uso studiate sia per i privati, che per aziende e amministrazioni pubbliche.

Enel ha presentato le varie novità in arrivo oggi presso l’Autodromo di Vallelunga, dove sono intervenuti Francesco Venturini, responsabile Enel X, e Alberto Piglia, responsabile e-Mobility di Enel X. A chiudere i lavori l’amministratore delegato e direttore generale di Enel, Francesco Starace. Come ricordato durante l’incontro sono oltre 4 milioni i veicoli venduti nel mondo per quanto riguarda la mobilità elettrica, con una netta accelerazione anche in relazione alle immatricolazioni di elettriche e plug-in (raddoppiate nei primi 8 mesi del 2018).

Enel X ha presentato tra le principali novità la “famiglia Juice”, una gamma di “Intelligent charging solutions” pronta ad accompagnare la mobilità elettrica nel suo percorso di crescita. Tra questi troviamo JuiceBox, una “box station” destinato all’uso privato: connessa e in grado di monitorare in tempo reale il livello di carica dell’auto dallo smartphone; compatta e intuitiva, l’energia residua e segnalata gli stati con differenti colori verde, giallo e rosso (in ricarica, prenotato, fuori servizio).

Altro elemento della famiglia Juice è la JuicePole, colonnina di ricarica su strada chiamata a sostituire le polestation che dal 2007 hanno coperto la prima fase dell’infrastrutturazione in ambito pubblico. In arrivo nelle città sul finire del 2018, la JuicePole consente di ricaricare contemporaneamente due vetture con 22 kW di potenza in corrente alternata e può essere attivata tramite App o card (nonché predisposta per pagamenti contactless o Apple/Samsung pay) questo elemento punta a facilitare l’esperienza di ricarica grazie al nuovo schermo e all’integrazione con la nuova App Enel X Recharge.

=> Scopri di più sulla Settimana Europea della Mobilità 2018

La JuiceBox, disponibile anche in versione commercial, e la JuicePole sono presentate come componenti ideali per la ricarica delle flotte aziendali per cui la “rivoluzione elettrica” è già iniziata. Rivolgendosi poi nello specifico ai propri partner di noleggio a lungo termine Enel X si è dichiarata “in grado di assistere le aziende nell’analisi di esercizio della flotta, proponendo soluzioni di ricarica e mezzi ottimizzati sulla base delle esigenze specifiche dei clienti; di fornire uno strumento completo di gestione delle infrastrutture di ricarica: Recharge Manager”; di far crescere le infrastrutture di ricarica di pari passo con i bisogni della flotta: JuiceStation è la soluzione che permette di collegare una serie di JuiceBox commercial in modo economico e funzionale”.

Enel X si rivolge alla pubblica amministrazione proponendosi come possibile soluzione per il miglioramento della qualità dell’aria grazie al sostegno offerto alla mobilità elettrica ed elettrificata. In questa direzione procede JuiceLamp, che va a integrare l’illuminazione pubblica con un’infrastruttura di ricarica: un lampione “intelligente” a LED ad alta efficienza e possibilità di gestione da remoto per la ricarica di due vetture allo stesso tempo, predisposto per la videosorveglianza, il monitoraggio della qualità dell’aria e la connettività in fibra o il WiFi urbano. Come ha dichiarato Francesco Starace, amministratore delegato e direttore generale di Enel:

La nostra sfida è quella di guidare la transizione energetica: l’elettricità sarà il principale vettore per realizzare una profonda decarbonizzazione di tutti i settori, primo fra tutti quello dei trasporti. Quella della mobilità elettrica è una ‘rivoluzione in corso’ e l’Italia parte da una posizione di vantaggio avendo una rete già completamente digitalizzata. Per la realizzazione del nostro Piano nazionale di infrastrutture di ricarica abbiamo già siglato accordi per circa 4.300 infrastrutture di ricarica con le amministrazioni pubbliche, ma anche con realtà industriali e commerciali, che ci permetteranno di proseguire speditamente per far sì che l’auto elettrica diventi un mezzo alla portata di tutti.

Il progetto Enel prevede un obiettivo di 14.000 colonnine entro il 2022 per un investimento complessivo fino a 300 milioni di euro. Come ha concluso Francesco Venturini, responsabile Enel X:

La mobilità elettrica è oggi, non il futuro. I dati di crescita delle immatricolazioni dei veicoli elettrici in Italia sono confortanti e aprono enormi prospettive anche per la filiera delle imprese italiane coinvolte. Oggi presentiamo una gamma di servizi ed offerte integrati che rispondono alle diverse esigenze di mobilità di tutti i clienti e degli stessi clienti in momenti diversi della giornata. C’è ancora molto da fare e per promuovere appieno il settore nel nostro Paese crediamo sia necessario elaborare un quadro di intesa Stato-Regioni per armonizzare e uniformare le regole comunali e la distribuzione delle infrastrutture.

21 settembre 2018
I vostri commenti
Calistri Domizio, venerdì 21 settembre 2018 alle18:47 ha scritto: rispondi »

I prezzi delle auto elettriche sono troppo alti. Le batterie delle ibride hanno poca portata escludendo le plug in che purtroppo non sono accessibili ai privati per i costi. Grazie. Penso che occorrerebbero delle citycar piccole fullelettrico per le faccende di tutti i giorni in citta'. Tutto a vantaggio dell' ambiente in cui viviamo. Grazie

Lascia un commento