Mitsubishi presenta l’elettrica i-Miev

Due importanti marchi giapponesi hanno presentato questa settimana il proprio futuro elettrico nei trasporti privati. Prima la Subaru ha mostrato per la prima volta la propria Stella e oggi è la volta di Mitsubishi a dare foto, date, prezzi e informazioni dettagliate sulla propria nuova macchina elettrica: la i-Miev.

Mitsubishi è stata rapida e decisa con i rivenditori nel promuovere questo nuovissimo modello e ne ha persino portato uno funzionante al Detroit Auto Show per la gioia della stampa.

Ma come sempre a farla da padrone sono i numeri che si preannunciano interessanti: lancio ufficiale sul mercato a luglio (assieme al lancio della Subaru Stella) con circa 1400 macchine prodotte per il parco macchine aziendali e governative. I privati potranno averla solo a partire dall’aprile 2010. Il prezzo stabilito per la macchina è di 4.38 milioni di yen (quasi 32.000 euro) ma i giapponesi potranno approfittare del contributo statale di circa 10.250 euro che porterà il prezzo finale per l’utente a livelli più ragionevoli.

La i-Miev usa una batteria a ioni di litio e ha come proprio cuore un motore elettrico da 47 KW che può far girare in autonomia fino a 100 miglia (oltre 160 Km). Ad aiutare il recupero dell’energia sprecata per strada ci dovrebbero essere anche meccanismi di recupero energia dai freni. La ricarica della macchina elettrica ha bisogno di 30 minuti con un ricarica-batterie rapido, mentre una stazione da 200V richiede 7 ore.

La macchina è progettata per un pubblico attento ed esigente con climatizzatore di serie e tutte le luci (include fanali) a LED. Un optional della macchina rimane invece il navigatore satellitare con un display da 7 pollici e un sistema di lettura mappe direttamente da memoria.

8 giugno 2009
I vostri commenti
francesco, lunedì 8 giugno 2009 alle12:01 ha scritto: rispondi »

Ma perchè non parlate mai della Bluecar PININFARINA? Non manca moltissimo al suo lancio eppure tutto tace. Prestazioni e design sono all'avanguardia. www.bluecar.fr

Lascia un commento