Pesa più di 100 chili ma è un piccolo cucciolo, si chiama Mitik ed è un tenero tricheco. La sorte ha voluto che a luglio si imbattesse in un gruppo di pescatori, i quali lo avevano avvistato al largo delle coste dell’Alaska. Lui, un animale solitario, era apparso sin da subito disidratato e malnutrito. Le sue condizioni di salute si erano rivelate gravi, tanto da convincere i pescatori per un salvataggio d’emergenza.

Così il timido animale era finito sul peschereccio, dove l’avevano battezzato Mitik, e poi consegnato al centro dell’Alaska Sea Life Center. Mitik soffriva di una grave infiammazione alla vescica e non riusciva a nutrirsi. Il centro che lo aveva in cura era riuscito a ristabilire un peso standard, perchè il piccolo era gravemente gracile e debilitato.

Dopo un periodo di cure e coccole il simpatico tricheco ora è pronto per l’acquario di Coney Island a New York. Il centro ospita due trichechi adulti, e Mitik di soli 15 mesi in futuro prenderà il posto di Nuka l’esemplare più anziano che ha più di 30 anni. Anche il New York Times gli ha reso omaggio, tributandogli un articolo di benvenuto nella città della mela.

La sua storia di indigenza e solitudine aveva commosso l’America, tanto da renderlo una celebrità. Probabilmente vittima dello scioglimento dei ghiacci, in compagnia del fratello, era destinato a morte per inedia. È probabile che la madre fosse morta prematuramente, dopo aver salvato i cuccioli conducendoli sulla terraferma. Ora che Mitik pesa quanto il fratello, Pakak già inserito nell’acquario di Indianapolis, è pronto per la prossima riapertura primaverile del centro acquatico.

Nel frattempo i suoi innumerevoli fan, ammaliati dal suo quadruplo mento e dall’aspetto goffo ma tenero, possono rimirare le sue gesta grazie alla webcam dell’acquario. Mentre Mitik, in compagnia di Nuka e Kulu il tricheco femmina, si rilassa sereno all’interno dello spazio dell’acquario in attesa di cibo e affetto.

17 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento