Bellezza e impegno ambientale si confermano al centro dell’edizione 2013 di Miss Earth. Il concorso premierà colei che sarà chiamata a prestare il suo volto per campagne di sensibilizzazione e azioni improntate al benessere dell’ambiente. La vincitrice sarà nominata ambasciatrice UNEP (Programma ONU per l’Ambiente).

Istituito 13 anni fa per opera di un imprenditore filippino, al concorso l’Italia approda per la sua quinta volta. Tema centrale dell’edizione sarà, in ossequio all’anno dedicato dall’ONU alla salvaguardia delle risorse idriche, la sensibilizzazione dell’uso corretto dell’acqua. Ogni ragazza pretendente al titolo di Miss Earth 2013 è stata chiamata a presentare un proprio progetto ambientalista che, in caso di vittoria, verrà realizzato grazie a fondi messi a disposizione dagli sponsor della manifestazione.

Rappresentante italiana al concorso sarà la ventunenne Debora Bon, originaria di Venezia e laureanda in Scienze Infermieristiche all’Università di Padova, che porterà avanti un progetto legato all’editoria ambientale. Come ha spiegato a Wired:

Un giornale sull’ambiente e la sostenibilità destinato ai bambini ricoverati nei reparti di pediatria del Veneto. L’obiettivo è prima di tutto distrarli dalla loro malattia e coinvolgerli in progetti divertenti e anche educativi, per sensibilizzarli su temi come il ciclo dell’acqua, ad esempio, e poi laboratori e giochi per sviluppare in loro una coscienza ambientalista. Per me che conosco da vicino i reparti di pediatria è un progetto facile da realizzare e allo stesso tempo efficace.

L’elezione di Miss Earth 2013 avverà il prossimo 7 dicembre a Manila, nelle Filippine, con la serata finale trasmessa in diretta tv in mondovisione.

8 ottobre 2013
Via:
Lascia un commento