Minieolico, ecco la “Libellula” di Renzo Piano

In arrivo “Libellula”, il minieolico firmato Renzo Piano. Il progetto, realizzato in collaborazione con Enel Green Power, puntava a dar vita a una nuova generazione di impianti eolici, con minor impatto ambientale e una maggiore efficienza anche nei momenti con minore corrente ventosa. La presentazione ufficiale è avvenuta a Rovereto, in Trentino, alla presenza delle autorità locali e dell’amministratore delegato di EGP, Francesco Starace.

Un impianto minieolico con una capacità di 55 kW, lo scarso impatto ambientale e la possibilità di sfruttare venti anche di soli 2 metri al secondo sono le caratteristiche che rendono questo nuovo aerogeneratore, ideato dal “Renzo Piano Building Workshop”, la soluzione a cui aspirava il gruppo Enel Green Power. In particolare, la soluzione delle due pale (invece delle tre solitamente presenti negli impianti) consente, qualora inutilizzate per assenza di vento, la quasi totale “scomparsa” nel panorama collocando le stesse in linea con la torre:

Eravamo alla ricerca di un nuova concezione di aerogeneratore – ha esordito Francesco Starace, amministratore delegato di Enel Green Power -, più sensibile ai venti di bassa quota e diffusi sul territorio, che non fosse solo una microturbina, ma qualcosa di diverso dalle grandi pale eoliche che impattano negativamente sul paesaggio. La ‘libellula’ di Renzo Piano – ha aggiunto – ha interpretato esattamente il nostro desiderio ed è una pala infatti gradevole, che ci richiama a qualcosa di naturale, di più vicino a noi.

Soddisfazione espressa anche dallo stesso Renzo Piano, che ammette alcune difficoltà iniziali di progettazione:

Disegnare il prototipo non è stato facile – ha spiegato Renzo Piano – perché doveva essere un elemento di un sistema diverso da quelli giganteschi del passato, basati sul grande impianto. Serviva invece fosse riferito a un sistema in grado di catturare il vento in modo diffuso. L’asse della turbina è orizzontale e l’altezza della torre è di circa 20 metri, mentre il diametro della pale non supera i 16 metri e pesa 60 kilogrammi.

Fonte:

18 ottobre 2011
I vostri commenti
ORESTE, mercoledì 30 marzo 2016 alle16:28 ha scritto: rispondi »

Mi interessa un mini palo eolico in campagna per azzionre una pompa per irrigazione per il pozzo e altri attrezzi che riguardano la campagna grazie

Lorenzo, mercoledì 19 ottobre 2011 alle10:31 ha scritto: rispondi »

ok mini... ma è alta 20 metri e diametro pale 16 metri. A me basterebbe una alta 3 metri  con un diametro di 1 metro da mettere in giardino non troppo vicino casa.. Comunque sono favorevole alle rinnovabili sia eoliche che fotovoltaiche, ma ancor di più alle mini idroelettriche.

Lascia un commento