Trascorsi i primi due mesi di test per il minieolico Enel Green Power firmato Renzo Piano. La “libellula” a due lame presentata due anni fa dal fornitore di servizi elettrici e dall’architetto italiano ha fornito in particolare alcuni dati riguardanti la sua effettiva capacità produttiva.

Nel corso dei due mesi trascorsi a Molinetto di Pisa, dove è stato testato, l’impianto minieolico di Enel Green Power ha prodotto cira 1200 kWh. Tutta l’elettricità ricavata dall’impianto a energie rinnovabili di Renzo Piano è stata poi immessa nella rete.

Soddisfazione dell’azienda non soltanto per il risultato ottenuto, ma anche per la tenuta e la resa dei materiali impiegati nella costruzione dell’impianto, leggeri, ma resistenti, finalizzati inoltre al ridurre al massimo l’impatto visivo delle pale eoliche. Un prodotto che potrebbe arrivare presto sul mercato, dopo che saranno trascorsi anche gli ultimi mesi di test.

Alla nascita dell’impianto minieolico a due lame di Enel Green Power hanno collaborato inoltre per la parte progettistica lo Studio Favero & Milan di Venezia mentre per la realizzazione la Metalsistem di Rovereto. La “libellula” ricordiamo infine ha un’altezza da terra, per quanto riguarda il rotore, di 20 metri. Il diametro delle pale è di 16 metri, mentre dell’asta è di solo 35 cm.

21 ottobre 2013
In questa pagina si parla di:
Immagini:
I vostri commenti
Alfredo Possemato, martedì 22 ottobre 2013 alle12:30 ha scritto: rispondi »

Sarebbe interessante poter approfondire : a) Produzione differenziata annua in funzione della velocità del vento e delle ore di funzionamento b) Costo approssimativo investimento c) Ritorno ecnomico sia nell'ipotesi di "autoconsumo" che di "cessione" dell'energia alla rete Forse non siamo ancora pronti per avere queste risposte.

Lascia un commento