Un progetto interessante e di vitale importanza quello avviato da un milionario cinese, Wang Yan, che ha costruito un rifugio per cani randagi. Il ventinovenne di Changchun della provincia di Jinlin, nel nord-est della Cina, da tre anni si occupa con amore e compassione di 200 esemplari strappati dalla vita di strada. In particolare recuperati dal circuito dei macelli per la vendita della loro carne, un’usanza e tradizione ancora purtroppo molto in voga nelle zone rurali della Cina. L’uomo, che ha costruito un piccolo impero con l’acciaio, lavora nel settore da quando ha 14 anni e passo dopo passo ha accumulato una vera fortuna, crescendo anche dal punto di vista imprenditoriale.

Ha deciso di dedicare i suoi sforzi ai quadrupedi soli, dopo aver perso il suo amato cagnolino. Circa tre anni fa il suo cucciolo domestico è sparito nel nulla, probabilmente rapito o sottratto e forse destinato al mercato della carne. Non sono bastati tutti i suoi sforzi e la ricerca continua, perché dell’amato quadrupede non ha trovato più traccia. Wang ha potuto cercare il suo amico anche all’interno dei macelli per la carne di cane, infatti per un’intera settimana ha visitato questi luoghi di morte nella speranza di ritrovare il suo cane.

Ma al posto del cucciolo l’uomo ha scoperto il dolore di centinaia di animali di affezione e non, rinchiusi in gabbie anguste in attesa di una morte cruenta per la loro carne. Questo ha sconvolto la sua esistenza tanto da spingerlo a trovare una soluzione definitiva, acquistando un’azienda dismessa e trasformandola in un rifugio per cani. I soldi guadagnati durante la sua vita sono stati interamente investiti nella cura degli animali, ma ora si sta avvicinando a una condizione di crisi economica seria. Infatti riesce a portare avanti lo spazio con le donazioni da parte degli adottanti e la beneficenza di cibo e altro materiale. Dei mille cani presenti in origine ne sono rimasti 200, che l’uomo spera di poter far adottare presto anche questi.

20 novembre 2015
Fonte:
I vostri commenti
cristina , lunedì 11 gennaio 2016 alle17:54 ha scritto: rispondi »

Grandissimo ......

Lascia un commento