Miley Cyrus vuole uno stilista per i suoi cani

Della passione di Miley Cyrus per i cani si conosce ogni dettaglio fotografico, vista la generosità dell’artista nel condividere il suo amore attraverso Instagram. Dopo un periodo con il piede sull’acceleratore, tra nuovo stile, video audaci e linguacce, la giovane è pronta a rinnovare il look anche ai propri quattro zampe. E per fare ciò si è decisa a interpellare uno stilista di grido: per questo la scelta è ricaduta su Jorge Bendersky, esperto di animali.

Nuovo look e nuovo immagine per Floyd, Happy, Bean, Penny Lane e Mary Jane: cani famosi al passo con la giovane e frizzante cantante. Come spiega un insider della rivista inglese Heat:

Miley vuole che ognuno dei suoi cani abbia un guardaroba che rifletta la loro personalità e che abbiano più sicurezza in loro stessi. Jorge darà ad ogni cane il proprio look, usando abiti ed accessori, alcuni dei quali saranno creati su misura.

Quindi spazio a mise a tema e in misura per la stazza di ognuno dei quattro zampe, che inoltre potranno sfoggiare una serie di tatuaggi creati con una colla glitterata apposita per il pelo dei cani. Nulla di tossico o pericoloso, ma un piccolo vezzo per rende più modaiola la piccola combriccola di animali. Del resto, a dispetto delle apparenze e delle mode di passaggio che coinvolgono i cani, Miley Cyrus si è sempre distinta per la sua passione nei confronti degli amici a quattro zampe. In particolare adottando molti trovatelli o esseri abbandonati nei canili e rifugi.

La cifra investita sarà in misura della fatica e del risultato, quasi 11 mila dollari per lo stilista che dovrà realizzare una linea al pari della fama della cantante. Lei stessa è appassionata di moda tanto da aver realizzato in passato, ai tempi in cui lavorava per la Disney, una linea per la catena Walmart. Uno stile forse più sobrio e contenuto, ma pur sempre un inizio che l’ha condotta sulla strada del cambiamento e della trasformazione. Percorso che ora prevede la presenza dei suoi 5 amici a quattro zampe.

5 novembre 2013
Fonte:
Lascia un commento