Milano, smog a livelli record, in arrivo domeniche a piedi

Le domeniche a piedi stanno per tornare una realtà a Milano. Lo scorso sabato all’ombra della “Madunina” sono stati superati per il nono giorno consecutivo i livelli massimi consentiti per le polveri sottili. Il primo campanello d’allarme era scattato già lo scorso giovedì, quando per sette giorni consecutivi la qualità dell’aria, come riportato dall’Arpa, si era dimostrata gravemente insufficiente.

Se i valori non dovessero rientrare nella norma, previste una serie di limitazioni al traffico urbano per cercare di riportare i valori delle polveri al di sotto del consentito. In caso di superamento dei limiti per 12 giorni consecutivi scatta il blocco sull’intero territorio comunale, tutti i giorni per tutte le 24 ore, per i veicoli a benzina Euro 0, diesel Euro 0,1 e 2 senza filtro, ciclomotori e motorini Euro 1 oltre a quelli alimentati a gasolio Euro 0 e 1.

Qualora, come sembra vista l’assenza di pioggia prevista per tutta la settimana, si superasse la soglia per oltre 14 giorni il blocco si estenderebbe, nella giornata di domenica, a tutti i veicoli a motore. Misure applicabili a oltranza, fino a quando i valori non saranno di nuovo a norma.

Domeniche a piedi quindi, anche se altre soluzioni sono allo studio della giutna di Giuliano Pisapia. In particolare si parla di due proposte provenienti da Carlo Monguzzi, presidente della Commissione Ambiente, e da Roberto Biscardini, Presidente della Commissione Urbanistica.

Monguzzi propone, in caso di superamento della soglia per 14 giorni consecutivi, il blocco a tutti i veicoli del centro storico da attuare non solo la domenica, ma anche nei giorni feriali. Uniche eccezioni residenti e auto ibride o elettriche. Biscardini sostiene invece, per combattere lo smog, l’istituzione di 100 isole ambientali sparse nel territorio comunale.

3 ottobre 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento