Un’iniziativa importante e utilissima per chi è costretto a vivere per strada senza l’agio di un riparo caldo. Il comune di Milano, sotto la guida del primo cittadino Beppe Sala, ha deciso di aprire le porte dei dormitori anche ai cani che vivono con i senzatetto. Un’offerta utile, fondamentale in questo momento di freddo intenso e temperature molto basse. Le strutture in grado di ospitare i clochard sono circa quindici, come specifica l’assessorato alle politiche sociali. Fino a oggi chi è costretto a vivere per strada, nonostante la proposta di un letto all’interno di un dormitorio, ha sempre preferito declinare l’offerta per non lasciare il proprio cane fuori dalla porta. La presenza di strutture predisposte a questo genere di combinazione erano del tutto assenti, per questo l’animale veniva consegnato al canile e recuperato la mattina successiva. Una decisione che non sempre coincideva con la poca voglia di lasciare solo il proprio amico, anche per un’unica notte.

Ma da questo inverno il Comune di Milano ha deciso di aiutare maggiormente anche i senzatetto con cani al seguito, organizzando in particolare una delle quindici strutture disponibili. In questo spazio i clochard potranno trovare riparo e aiuto anche per i loro amici di affezione, senza doversi separare da loro. Un’evoluzione davvero importante che segna un valido passo in avanti in fatto di accoglienza, un atto per cui la città di Milano è nota da tempo. Negli anni l’emergenza freddo è sempre stata affrontata con consapevolezza e prontezza, e da questo ultimo inverno il numero dei posti letto è aumentato considerevolmente raggiungendo la cifra di 2.780 posti letto.

=> Scopri i problemi dei cani dei clochard in inverno


L’assessorato alle politiche sociali non si ferma e, spazzate vie alcune polemiche, ha deciso di coinvolgere direttamente anche i cittadini invitandoli a segnalare la presenza di clochard in difficoltà. Una richiesta a cui in tanti hanno subito risposto con calore e velocità. Accanto alle strutture di accoglienza la città di Milano può contare sulla presenza di sette unità mobili di pronto intervento per la distribuzione di coperte, sacchi a pelo e cibo caldo. E nei prossimi giorni una seconda struttura verrà organizzata per ospitare i senza tetto e i loro cani. A questi si aggiungono i circa 3.500 posti dedicati all’aiuto per i profughi, per un massimo di 6.000 posti messi a disposizione dal Comune di Milano. Il numero da contattare a cui risponde il Centro Aiuto, attivo tutti i giorni 24 ore su 24, è lo 02/88447645-646-647-648-649.

10 gennaio 2017
Lascia un commento