Milano: cani mangiano al parco la droga degli spacciatori

Rischi in aumento per i proprietari dei cani, soprattutto durante la quotidiana passeggiata al parco. È quanto dimostrano alcuni casi recenti avvenuti nella città di Milano, in particolare al Parco Sempione, dove alcuni quadrupedi sono entrati in contatto con sostanze stupefacenti presenti fra i cespugli, forse nascoste dagli spacciatori locali.

È quanto riferisce un’inchiesta de Il Fatto Quotidiano, nel riportare i disagi subiti da alcuni proprietari di cani e dai loro amici a quattro zampe, tra preoccupazione e cure veterinarie immediate per l’ingestione fortuita di droghe come hashish e marijuana. E, sebbene non vi siano al momento delle statistiche ufficiali, il fenomeno sarebbe in aumento. Così ha spiegato Ilario Taddeo, dell’ambulatorio Arco della Pace, sempre dalle pagine del sopracitato quotidiano:

=> Scopri il gatto che ha recuperato una borsa piena di droga


Ultimamente è capitato di meno, ma d’estate è abbastanza frequente.

Non esiste una terapia specifica o degli antidoti per le sostanze stupefacenti ingoiate dal cane: si può solo attendere sotto controllo veterinario, con la somministrazione di flebo se necessario. Così ha spiegato un medico della Clinica Veterinaria Sempione:

L’unica soluzione è che gli effetti di queste sostanze scompaiano da soli, come avviene per gli umani. Al massimo interveniamo con una flebo in endovena. Non facciamo esami tossicologici perché non servono, però i sintomi non lasciano spazio a dubbi. I cani arrivano barcollando, con gli occhi spalancati, sbavano, abbaiano nel vuoto. Spesso sono stati al parco Sempione nelle due o tre ore precedenti.

=> Scopri la cagnolina tossicodipendente salvata dalla droga


Secondo la polizia locale, il fenomeno sarebbe più frequente tra cani con disturbi del comportamento, ovvero inclini a ingoiare qualsiasi elemento rinvenuto sul terreno. Più che gli animali domestici, sarebbero però maggiormente a rischio i bambini: per questo motivo vengono condotti dei controlli continui, anche con l’ausilio dei cani antidroga, affinché tutte le sostanze stupefacenti vengano identificate e prontamente rimosse.

30 novembre 2018
Lascia un commento