Le polveri sottili a Milano non accennano a diminuire e il sindaco Letizia Moratti corre ai ripari decidendo un blocco del traffico. Dalle 10 alle 18 di domenica 31 gennaio potranno circolare solo i veicoli meno inquinanti: auto a GPL, metano ed elettriche.

La misura è stata quasi obbligata dal fatto che per ben 17 giorni sono stati oltrepassati i limiti di guardia sulla presenza di Pm10 nell’aria. Ma il blocco totale del traffico ai Milano non è l’unico provvedimento adottato. È stato previsto anche un inasprimento dell’Ecopass.

Se ci saranno 20 giorni consecutivi di smog alle stelle, il pagamento del ticket per l’accesso al centro di Milano verrà esteso anche alle vetture diesel Euro 4 che siano sprovviste di filtro antiparticolato.

Queste misure a “spot” permetteranno di diminuire le polveri sottili nell’aria? Difficile che la situazione di Milano migliori con il solo blocco delle auto. Una delle cause principali dello smog nel capoluogo lombardo non sono infatti le macchine ma i riscaldamenti delle abitazioni.

E voi, che ne pensate?

[poll=3]

29 gennaio 2010
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Ignazio, domenica 31 gennaio 2010 alle10:57 ha scritto: rispondi »

Non si può risolvere il problema solo facendosi pagare per entrare a Milano e multando i trasgressori, bisogna ridurre il costo dei biglietti, aumentare i mezzi di trasporto pubblico e migliorare il servizio. Magari utilizzando i soldi delle multe e dell'ecopass; invece i soldi incassati servono solo a ripianare il deficit di bilancio. Qualche tempo fa, ho preso il metro per andare da Cologno nord a Gessate, io e mia moglie per andare e tornare abbiamo speso quasi 8 euro e abbiamo inpiegato 1 ora e mezza. per lo stesso percorso in auto inpiego 40 minuti e spendo 4 euro. Mi spiegate perchè dovrei usare i mezzi pubblici se mi costa il doppio di tempo e di soldi?

L'Eco della Terra, domenica 31 gennaio 2010 alle10:41 ha scritto: rispondi »

Serve puntare sul trasporto pubblico e sulla bici. Serve tassare suv e auto potenti. Serve incentivare auto a metano, elettriche, ed auto con una cilindrata piccola, dai 300 ai 500 cm3. Serve fare le zone 30 e 40; serve rendere pedonalizzabili le zone più belle e caratteristiche, in particolare nel centrostorico. Serve questo, ed altro...

claudio, sabato 30 gennaio 2010 alle22:01 ha scritto: rispondi »

sono stupito della "stupidita" dei poplitici, o forse ignoranza. Se da dieci anni avessero rese obbligatorie le valvole termostatiche nei termosifoni degli impianti condominiali avremmo già risparmiato miliardi di euro e si eviterebbe di avere appartamenti a 26 gradi ed altri a 19 nelo stesso condominio. SEMPLICEMENTE BANALE ma troppo difficile per i nostri politici.

Mara, venerdì 29 gennaio 2010 alle12:28 ha scritto: rispondi »

Purtroppo vivere e lavorare a Milano è diventato impossibile, io vi ho vissuto per 30 anni e poi ho avuto la fortuna di poter "scappare" da Milano prima trasferendomi in Brianza e successivamente sul Lago Maggiore. Purtroppo i miei genitori vivono ancora a Milano e spero che presto riescano a trasferisi anche loro sul Lago Maggiore, altrimenti potrebbero morire prima del dovuto. Io da ex cittadina affermo che un tempo AMAVO Milano ed ora la ODIO. L'inquinamente a mio parere è causato principalmente da tre motivazioni che elenco di seguito: 1. in molti condomini, scuole, ospedali e istituti pubblici il riscaldamento è molto elevato 2. i mezzi pubblici funzionano male, spesso e volentieri sono in ritardo e questo causa anche un eccessivo sovraffolamento, perciò molti cittadini preferisco utilizzare la propria auto 3. sicuramente andrebbe incentivato l'acquisto di auto ibride o elettriche Perantanto concludo dicendo che a mio parere il blocco delle auto serve a poco e nulla.

Lascia un commento