Metropolitane: le cinque più efficienti al mondo

Chi abita in città come Roma, Milano, Napoli, Catania e Torino ben conosce l’importanza di un mezzo di trasporto come la metropolitana, un sistema molto rapido per muoversi in città senza imbattersi in congestioni del traffico, semafori e smog. Ma quanto è efficiente dal punto di vista energetico il ricorso alla metro?

>>Scopri gli impianti solari per la metro di Milano

Le reti metropolitane non sono altro che dei percorsi ferroviari appositamente studiati per le città: così come per i normali treni, si fa ricorso all’energia elettrica per la locomozione. In aggiunta, qualora il percorso fosse sotterraneo, è necessario un ulteriore consumo in illuminazione delle banchine, scale mobili, servizi di biglietteria automatici e molto altro ancora. Nonostante questo, l’APTA (American Public Transport Association) ha confermato come la metropolitana sia comunque preferibile ai mezzi di trasporto su gomma, perché permette di risparmiare ben 15 miliardi di litri di carburante. Date queste premesse, quali sono le reti metropolitane più efficienti al mondo? Di seguito, la Top 5:

>>Scopri le energie rinnovabili della metro di Bilbao

  1. Metropolitana di Londra: la più famosa “underground” mondiale è anche la più efficiente. Non solo per i suoi intricati percorsi che permettono di scandagliare la città in lungo e in largo, ma anche per un impegno encomiabile al risparmio energetico. Fra i vari sistemi, si citano delle scale mobili “intelligenti” che si attivano solo al transito dei passeggeri, condotti per la ventilazione naturale che riducono il ricorso all’aria condizionata e tunnel per l’illuminazione esterna in sostituzione di quella al neon;
  2. Metropolitana di New York: in diretta concorrenza con la rete londinese, la “subway” per antonomasia da tempo ha sposato le esigenze dell’ambiente. Tutte le lampade a incandescenza sono state sostituite con illuminazione al LED, con un risparmio di 6.000 megawatt ogni ora. Al Grand Central Terminal, inoltre, sono stati impiegati pannelli a incandescenza per un risparmio annuo di 100.000 dollari;
  3. Metropolitana di Singapore: è la Rete urbana fra le più famose d’Asia e anche la più efficiente in termini energetici. Fra le innovazioni, pannelli e porte che separano i tunnel dalle banchine, così da non dover sprecare risorse in riscaldamento, scale mobili intelligenti che riducono i consumi del 20% e un sistema di recupero dell’energia generata dal movimento sulle rotaie, capace di rigenerare il 5% dell’energia utilizzata;
  4. Metropolitana di Varsavia: si tratta di una delle metro più recenti, considerato come sia stata inaugurata nel 1995, ma anche una delle più attente allo spreco delle risorse. Si parte con un sistema ibrido tra illuminazione LED e naturale controllato da sensori di prossimità per arrivare a 35 carrozze a basso consumo, con un impatto ambientale davvero ridotto;
  5. Linee metropolitane della Pennsylvania: la rete di trasporti su rotaia della Pennsylvania, negli Stati Uniti, da qualche anno ha posto in essere un intelligente sistema di recupero dell’energia cinetica, così da “riciclare” quanto consumato dal transito dei treni. I risultati sono stati immediati: i consumi sono diminuiti di dieci punti percentuali e con essi l’emissione di CO2.

Fonte: EarthTechling

21 febbraio 2013
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Paolo, martedì 6 maggio 2014 alle13:52 ha scritto: rispondi »

Penso volesse dire 6GWh (wattora), ovvero l'energia risparmiata, anche se non specifica in quanto tempo.

Maurovinco, venerdì 22 febbraio 2013 alle7:37 ha scritto: rispondi »

cosa sono i pannelli a incandescenza?

rinko gogleshit, giovedì 21 febbraio 2013 alle13:27 ha scritto: rispondi »

"con un risparmio di 6.000 megawatt ogni ora". Non capisco il senso di quest'affermazione, ma se anche volesse far intedere una riduzione della potenza elettrica riservata all'illuminazione di 6 GW per la sola metro di NY questa cifra mi sembra a dir poco un'enormità, dato che essa equivale più o meno alla potenza elettrica fornita da quattro centrali nucleari con reattori di tipo EPR...  

Lascia un commento