Il gas naturale, considerato una fonte energetica pulita, potrebbe essere più inquinante di quanto si credeva finora. A lanciare l’allarme è l’American Chemical Society.

Secondo le ricerche, a rilasciare preoccupanti emissioni non sarebbe il processo in sé, ma le strutture di produzione e distribuzione del gas naturale: è questo il segmento che produce maggiore inquinamento, in una percentuale più elevata a quelle ritenuta realistica fin oggi.

L’anidride carbonica (CO2) è da sempre l’indiziata numero uno per i cambiamenti climatici e l’innalzamento della temperatura globale: in realtà, anche il metano ha un ruolo importante. Questo tipo di gas ha un Global Warming Potential (GWP), cioè la capacità di un gas di aggravare l’effetto serra, 25 volte superiore a quello dell’anidride carbonica.

Finora le analisi della US Environmental Protection Agency (EPA) hanno dimostrato che almeno un quarto di emissioni di metano sono causate dalla produzione di gas naturale, comprese le fasi di trattamento e distribuzione.

Alcune ricerche pubblicate sui papers dell’American Chemical Society (ACS) e sulla rivista Environmental Science & Technology avvertono però che la percentuale di inquinamento derivante da questi procedimenti potrebbe essere molto maggiore. Secondo quanto si legge nell’articolo:

I ricercatori hanno scoperto che una piccola frazione di strutture che raccolgono, trattano e comprimono il gas naturale sono responsabili di una percentuale sproporzionata di emissioni di metano.

Inoltre, le analisi EPA non tengono conto dei “superemitter”, cioè i siti con grande rilascio di gas naturale, fra cui anche siti abbandonati: in pratica le rilevazioni dell’agenzia, secondo i ricercatori dell’ACS, taglierebbero fuori dalla stima quasi due terzi delle emissioni totali di metano.

Le analisi dell’EPA restituirebbero dunque dati “enormemente” sottostimati, almeno secondo quanto affermato dai ricercatori dell’ACS:

I calcoli sono basati su dati di almeno 20 anni fa: in questo scenario non si tiene conto dei super emitter. Questo significa che il problema delle emissioni di metano è molto superiore a quello che si credeva fin ora.

18 febbraio 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento