Mesentere: cos’è, dove si trova e funzioni

Il mesentere, detto anche mesenterio, è un insieme continuo di tessuti localizzati nell’addome. Si tratta in di una piega del peritoneo, cioè la membrana sierosa che riveste internamente l’addome e i suoi organi interni, congiungendo l’intestino – in particolare il tenue – alla parete posteriore dell’addome.

In passato, i medici ricercatori pensavano che il mesenterio fosse costituito da diverse strutture separate. Tuttavia, a oggi diverse ricerche scientifiche hanno fornito prove sufficienti per classificare il mesentere come un singolo organo continuo. Vediamo qual è l’anatomia di questo organo e quali sono le sue funzioni.

Anatomia

Lab

Il mesentere si trova nell’addome, dove circonda l’intestino. Origina dall’area sul retro dell’addome, dove l’aorta, la più grande e più importante arteria di tutto il corpo, si dirama verso un’altra grande arteria chiamata arteria mesenterica superiore. La regione dove questo tessuto prende origine viene precisamente indicata come radice del mesentere. Ad addome aperto il mesentere si presenta con una tipica forma a ventaglio: le pieghe che ne definiscono la struttura interna si aprono ed evidenziano la fitta rete di vasi sanguigni.

=> Scopri il mesentere, il nuovo organo nell’addome


Nel mesenterio si individuano alcune precise sezioni:

  • mesentere “piccolo-intestinale”, ossia la regione è collegata all’intestino tenue, in particolare con digiuno e ileo;
  • mesocolon, la zona del mesentere scorre piatta lungo la parete addominale posteriore;
  • mesocolon trasversale, cioè la vasta regione del mesentere che collega il colon trasverso alla parete addominale posteriore;
  • mesocolon sinistro, che come il primo dei tratti del mesocolon scorre piatta lungo la parete addominale posteriore;
  • mesocolon sigmoideo, la regione collega il colon sigmoideo alla parete pelvica;
  • mesoretto, la parte del mesentere collegata al tratto del retto.

Funzioni

Doctor

La principale funzione del mesentere è di natura strutturale-meccanica: ancora, cioè, le anse intestinali alla parete addominale posteriore. Ciò ne assicura la stabilità anche nel corso dei movimenti peristaltici che si susseguono nel corso del processo digestivo.

=> Scopri i rimedi naturali per la digestione lenta


Quando nel corso dello sviluppo fetale il mesentere non si forma correttamente, aumenta pericolosamente il rischio di insorgenza di patologie gravi come il collasso o la torsione intestinale: condizioni molto serie che possono anche avere un esito fatale.

Al mesenterio sono riconosciute anche le seguenti funzioni:

  • immunologica, infatti contiene anche linfonodi, cioè piccole ghiandole che contengono diversi tipi di cellule immunitarie e concorrono a innescare una risposta di difesa verso i patogeni, come virus e batteri;
  • regolatoria del processo di infiammazione, grazie all’attiva produzione di una proteina nota come proteina C-reattiva.

Salute del mesentere

La ricerca medico scientifica degli ultimi anni ha definito con sempre maggiore precisione il coinvolgimento del mesentere nel mantenimento della struttura dell’addome e della posizione degli organi, così come il suo coinvolgimento nella salute dell’intestino ma anche dell’organismo in genere. La sempre più chiara comprensione di questa struttura anatomica ha anche portato a rilevare alcune patologie, che potrebbero coinvolgere direttamente il mesenterio. Queste sono le più comuni:

  • tumori benigni, i più frequenti, che si manifestano con sensazione di gonfiore e talvolta dolore;
  • linfadenite mesenterica e mesenteritite, ossia infiammazioni acute;
  • tumori maligni, rari, come il mesotelioma e il leiomiosarcoma.

Tutte queste condizioni sono di competenza del medico sia per la diagnosi che per il successivo trattamento.

4 dicembre 2018
Immagini:
Lascia un commento