Mercedes Classe A certificata per il rispetto ambientale

Rinnovata nella linea, che adesso è quella di un’elegante berlina compatta, la nuova Mercedes Classe A si presenta sul mercato con una nuova attenzione verso l’ambiente, non tanto per delle rivoluzionarie soluzioni adottate a livello motoristico, quanto per l’affinamento che i tecnici di Stoccarda sono riusciti a mettere a punto per molti aspetti della vettura, al punto da far guadagnare al modello la certificazione ambientale secondo la normativa ISO TR 14062 rilasciata dall’ente tedesco indipendente Tüv Süd.

Mercedes, da parte sua, ha precisato come l’attenzione all’impatto ambientale della Classe A sia da valutare nell’intero ciclo di vita della vettura, partendo dalla produzione, fino ad arrivare allo smaltimento e al riciclaggio dei componenti una volta finito il periodo di utilizzo, passando ovviamente per motori più parchi e più puliti, come le unità a benzina delle versioni A 180, A 200 e A 250 che, sottolineano dalla casa tedesca, assicurano emissioni in linea con alcuni degli standard richiesti dalla seconda fase della normativa Euro 6, gli stessi che entreranno in vigore dal 2017.

Considerando l’intero ciclo di vita (calcolando una percorrenza totale di oltre 160.000 chilometri) di una Mercedes Classe A 180 BlueEfficiency, si nota come la vettura produca 5,7 tonnellate di emissioni di CO2 in meno rispetto alla precedente generazione, una cifra che, tradotta in percentuale, consiste in una diminuzione del 16% delle sostanze inquinanti emesse nell’atmosfera sin dalla fase di produzione dei componenti e di assemblaggio di questi ultimi.

In termini di risparmio di carburante si stima invece un risparmio di 2.400 litri di benzina circa, cioè il 15% in meno di consumi rispetto alla vecchia Classe A, la quale, è giusto sottolinearlo, pagava anche la minore efficienza aerodinamica della carrozzeria da monovolume.

Mercedes spiega inoltre che 46 componenti della nuova Classe A possono essere parzialmente prodotti usando plastiche riciclate, mentre il resto dell’efficienza energetica vede un notevole affinamento del rendimento dei motori, dell’aerodinamica, della riduzione del peso complessivo e dell’impiego di pneumatici a bassa resistenza al rotolamento.

L’ultima arrivata della casa della Stella a tre punte vede il debutto di un nuovo biopolimero che viene impiegato per la copertura del motore a benzina M 270. Il biopolimero in questione è un derivato di materie di origine vegetale per il 70%, precisamente dai semi della pianta di ricino. Questo, a differenza della produzione di elementi derivati da olio minerale, consente di risparmiare oltre la metà (circa il 60%) di emissioni di CO2 necessarie in fase di produzione.

Le prime consegne della Mercedes Classe A sono state effettuate nelle scorse settimane, a prezzi che partono da 22.990 euro della Classe A 180 CDI BlueEFFICIENCY per arrivare ai 32.770 euro della Classe A 250 BlueEFFICIENCY.

19 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento