Memoria: bere succo d’arancia tutti i giorni aiuta a migliorarla

Per migliorare la memoria degli uomini sarebbe utile consumare più succo d’arancia e verdure a foglia verde. Lo testimonia uno studio condotto ad Harvard. Gli esperti hanno esaminato soprattutto le proprietà benefiche del succo d’arancia.

Quest’ultimo è ideale per disintossicare l’organismo e per combattere le infiammazioni inibendo la resistenza all’insulina. Il succo d’arancia stimola la circolazione grazie all’abbondanza di folati, agisce in favore della prevenzione del diabete di tipo 2 ed è ricco di antiossidanti che rafforzano il sistema immunitario e proteggono dalle malattie cardiovascolari.

=> Scopri perché lo stress riduce la memoria già a 40 anni

In particolare gli uomini ne dovrebbero fare più uso, per vedere la possibilità di stimolare le loro capacità cognitive. I risultati della ricerca pubblicati sulla rivista Neurology sono stati molto chiari. Changzheng Yuan, uno degli autori della ricerca, ha spiegato:

I nostri studi forniscono ulteriori prove che le scelte dietetiche possano essere importanti per mantenere la salute del cervello.

=> Leggi consigli e rimedi naturali per migliorare la memoria

In particolare è stato messo in evidenza che gli uomini che consumano succo d’arancia in maniera regolare nella loro alimentazione quotidiana hanno il 47% in meno di probabilità di mostrare funzioni cognitive più scarse. A beneficiare del succo d’arancia sarebbero soprattutto gli uomini più avanti con l’età, secondo ciò che ha mostrato la ricerca.

In ogni caso anche le verdure facevano la loro parte. Soprattutto la frutta e la verdura mantenevano inalterate le capacità di memoria nel corso del tempo. Ancora una volta siamo in presenza di un’altra ricerca che dimostra l’importanza di non rinunciare ai vegetali nella nostra alimentazione. La frutta e la verdura e le spremute naturali di frutta, senza zuccheri aggiunti, si confermano come dei cibi fondamentali per fornire all’organismo tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno per mantenere inalterato il nostro equilibrio psicofisico.

23 novembre 2018
Lascia un commento