Mele: una al giorno leva il medico di torno, studio spiega perché

Le mele sono dei frutti dalle tantissime proprietà. Diversi studi scientifici hanno dimostrato che le mele sono depurative, riducono il colesterolo e tengono sotto controllo i livelli di glicemia nel sangue.

Inoltre questi frutti sono ricchi di flavonoidi che hanno la capacità di abbassare la pressione sanguigna, diminuendo il rischio di incorrere in infarti e in ictus. Hanno delle ottime proprietà digestive, perché le fibre di cui sono ricche rappresentano anche un rimedio ottimale contro la stitichezza.

Le mele non dovrebbero mancare mai nella nostra alimentazione quotidiana, anche perché è stato provato, attraverso un recente studio, che corrisponde a verità il vecchio detto “una mela al giorno leva il medico di torno”.

=> Scopri come far durare le mele più a lungo

Lo ha dimostrato una ricerca condotta dalla Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige, che è stata svolta in collaborazione con il Consiglio per la ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia agraria. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Food Research International.

L’attenzione degli esperti si è concentrata soprattutto sui polifenoli contenuti nelle mele. In particolare queste molecole antinfiammatorie le ritroviamo nella polpa e nella buccia. Sono proprio questi polifenoli che conferiscono alle mele un ruolo decisivo nel contrastare il diabete e perfino lo sviluppo di alcuni tipi di tumori.

Gli studiosi hanno scoperto che il merito va attribuito all’azione che i polifenoli delle mele svolgono all’interno della flora intestinale. I polifenoli delle mele sarebbero trasformati all’interno dell’organismo in più di cento forme chimiche.

Si caratterizzerebbero perciò come composti bioattivi in grado di svolgere un’azione benefica nel microbioma dell’intestino. Per provare i loro risultati, i ricercatori hanno messo in evidenza che nessun composto presente nel succo di mela può essere ritrovato all’interno dell’organismo nella sua forma originale. Tutto ciò vuol dire che all’interno del corpo avviene una sorta di lavorazione naturale dei polifenoli, che vengono trasformati in sostanze chimiche molto benefiche.

20 giugno 2018
Lascia un commento