Mele con pesticidi: un test svela in quante sono presenti

Gli agricoltori spruzzano pesticidi sui meleti di tutto il mondo per tenere lontani parassiti e malattie alle piante, ma quanti di questi pesticidi rimangono poi nelle mele che si acquistano e mangiano? Un test condotto da Öko-Test in laboratorio su 27 diversi tipi di mele rivela che solo pochi frutti non ne contengono alcuna traccia.

=> Leggi dei pesticidi trovati nelle acque italiane

Nello specifico su 27 campioni di mele analizzati solo in 9 frutti non è stata trovata la presenza di alcun pesticida, mentre le mele provenienti da otto fornitori comprendevano residui di pesticidi particolarmente preoccupanti, comprese quelle vendute da marchi di supermercati noti. Una manciata di aziende non ha fornito informazioni sull’impronta di carbonio dei loro frutti, sottolinea il mensile tedesco.

Tra i 9 campioni di frutti puliti, che dunque non presentano tracce di questa sostanza potenzialmente pericolosa per la salute, 5 erano biologici e 4 erano stati coltivati in maniera tradizionale. Negli altri 18 campioni, le analisi hanno portato alla luce la presenza da 1 a 5 pesticidi contemporaneamente.

=> Scopri come i pesticidi possono portare al Parkinson anche a bassi livelli

Le mele analizzate sono state acquistate in Germania, ma la loro origine comprendeva Paesi quali Argentina e Cile (per i prodotti biologici), Neozelanda, Sudafrica, Germania, Francia, Italia, Polonia e Brasile (per i prodotti convenzionali).

4 settembre 2018
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento