Le melanzane ripiene sono una ricetta che si prepara da sempre in molte famiglie italiane. È una di quelle preparazioni che non ha una vera versione originale: ne esistono con carne o vegetariane, nonché personalizzate nel tempo sia dalla stagionalità degli ingredienti che su base regionale.

La melanzana, per la sua forma e per il suo gusto delicato, si presta a essere servita anche con ripieni a base di cereali, come ad esempio il riso o anche la pasta.

In base ad alcune ricerche in ambito gastronomico, sembra che tra le ricette tradizionali di origine più antica vi siano quella pugliese e quella calabrese, molto simili tra loro e quella ligure. Vediamo perciò come realizzare le melanzane ripiene alla pugliese e alla ligure, quindi come abbinarle in un menu completo ed equilibrato sulla base dei principi della dieta mediterranea.

Melanzane ripiene alla pugliese

In tutta l’area del Salento si preparano le “melanzane chine”, ecco la ricetta originale per 4 persone:

  • 2 melanzane tonde del peso di 400-450 g ciascuna;
  • 100 g di cipolla rosa di Tropea sminuzzata;
  • 20 g di olive nere sminuzzate;
  • 10 g di capperi dissalati e sminuzzati;
  • 2 uova;
  • 60 g di pecorino stagionato grattugiato;
  • 60 g di pangrattato al naturale;
  • 2 spicchi di aglio sminuzzato;
  • 350 g di passata di pomodoro al naturale;
  • 4 acciughe sott’olio;
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva.

Tagliate le melanzane a metà ed eliminate la polpa, quindi riempitele di sale grosso e fate riposare per 30 minuti. Nel frattempo, tritate la polpa delle melanzane e cuocetela in una padella antiaderente con l’olio, l’aglio, le acciughe spezzettate e la cipolla. Unite quindi metà del pomodoro, i capperi e le olive. Cuocete per circa 20 minuti quindi fate raffreddare.

Sbattete le uova in una terrina, quindi unitevi il composto cotto e raffreddato, il pecorino e il pangrattato. Farcite le melanzane con il composto ottenuto e disponetele in una pirofila da forno. Versate su ognuna un po’ di salsa di pomodoro e cuocetele in forno a 200 gradi per 30 minuti.

La versione calabrese della ricetta prevede l’impiego del caciocavallo al posto del pecorino.

Le melanzane ripiene sono una portata ricca: mangiare sano secondo il modello della dieta mediterranea significa mettere in tavola pasti che apportino nella giusta quantità carboidrati, grassi e proteine. Una porzione di melanzane alla pugliese apporta una buona quantità di proteine grazie ad ingredienti come le uova, le acciughe e il pecorino, nonché una discreta quantità di grassi: il pasto potrebbe essere completato in modo equilibrato con una porzione di pane al naturale da 50 g, fonte perlopiù di carboidrati, e una di verdura fresca di stagione ricca di fibre, sali minerali, acqua e vitamine.

Melanzane ripiene alla ligure

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 melanzane tonde del peso di 400-450 g ciascuna;
  • 150 g di pane raffermo;
  • 100 ml di latte;
  • 2 uova;
  • 60 g di parmigiano stagionato grattugiato;
  • 60 g di pangrattato al naturale;
  • 2 spicchi di aglio sminuzzato;
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva.

Riducete il pane in pezzi, quindi fatelo ammorbidire nel latte. Mescolate in una terrina il formaggio, le uova e l’aglio. Unite, infine, il pane ammorbidito. Svuotate le melanzane dalla polpa e unitela al composto con il pane. Riempire le melanzane, disponetele in una pirofila quindi cuocete il forno caldo in forno a 200° per 30 minuti.

Le melanzane ripiene alla ligure sono dal punto di vista nutrizionale una fonte di carboidrati, provenienti soprattutto dal pane, e di proteine, grazie a ingredienti come le uova, le acciughe ed il parmigiano stagionato grattugiato. Una porzione di queste melanzane può essere considerata un piatto unico e pertanto andrebbe abbinata solo a un contorno di verdura fresca di stagione.

7 giugno 2016
I vostri commenti
Giacomo, mercoledì 8 giugno 2016 alle11:49 ha scritto: rispondi »

scusate non le uova ma l'olio Grazie

Giacomo, mercoledì 8 giugno 2016 alle11:39 ha scritto: rispondi »

ma le uova e pan grattato dove vanno messi nalla ricetta ligure? Grazie

Lascia un commento