Sono praticamente ubiquitarie nei mari e negli oceani di tutto il mondo e, oltre alla loro estrema longevità, garantiscono uno degli spettacoli più affascinanti delle fauna marina: le meduse, dalle forme più disparate e dai colori brillanti, sono gli abitanti delle profondità che più attirano le curiosità dell’uomo. Una nuova ricerca, tuttavia, ne svela un singolare primato: potrebbero essere stati, infatti, i primi animali apparsi sulla Terra.

Lo studio è stato condotto dalla Vanderbilt University e pubblicato sulla rivista scientifica Nature Ecology and Evolution. Da sempre la scienza si interroga se i primi animali apparsi sul Pianeta, escludendo organismi mono e pluricellulari, siano le spugne oppure le meduse. I ricercatori hanno quindi voluto applicare le tecniche dell’analisi genetica per risolvere questo quesito, scoprendo come i rappresentanti del genere Ctenophora, dei filtratori planctonici, siano antecedenti a qualsiasi spugna a oggi conosciuta.

=> Scopri le curiosità sulle meduse


Per raggiungere questo risultato, i ricercatori hanno studiato 18 relazioni considerate controverse dalla scienza, ovvero dove non vi è pieno accordo sulle tempistiche di apparizione delle specie sulla Terra nonché sul loro tipo di legame. Hanno quindi condotto studi genetici su sette relazioni animali, cinque vegetali e sei derivate da funghi, comparando alcuni tratti genetici condivisi per cercare di capirne il percorso evolutivo.

=> Scopri la medusa che somiglia a un UFO


In particolare, gli studiosi hanno analizzato centinaia di geni che potessero rivelare una sorta di “relazione parentale”, o comunque di vicinanza evolutiva, fra queste specie, per scoprirne non solo il percorso, ma anche i salti evolutivi che determinano la nascita di una nuova specie. È quindi emerso come, più i gruppi sono antichi, maggiormente ridotte sono le differenze genetiche e, non ultimo, come più lontano nel tempo è il salto evolutivo per la nascita di una specie, più alte sono le possibilità la stessa sia comparsa sulla Terra con largo anticipo rispetto alle altre. In questo senso, le meduse Ctenophora dimostrerebbero un profilo che ne confermerebbe un’apparizione nei mari antecedente alle spugne.

13 aprile 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento