Meditazione: anche un minuto al giorno può fare la differenza

Un minuto di meditazione può rappresentare un periodo lunghissimo, in grado di aiutare ad avere maggiore consapevolezza e a “dare più vita ai propri giorni”. Questo il messaggio che è alla base di “OMM – the One Minute Meditation“, l’ultimo libro di Patrizio Paoletti (creatore dell’omonima fondazione che si occupa di ricerca in Neuropsicopedagogia didattica) – edito da Medidea.

OMM viene presentata dal suo autore, che da 30 si occupa di sviluppo personale, come una guida semplice e pratica che punta a rendere accessibili e comprensibili “idee, pratiche, metodi e strumenti complessi e millenari” per favorire lo sviluppo dell’uomo. Tra i modelli citati ed esposti nel libro quelli di Platone, Socrate, Buddha, Herman Hesse, Teresa d’Avila, del teologo e poeta d’origine persiana Rumi, Jalal ad-Adin e del mistico Abd al-Qadir al-Jilani.

=> Scopri pratica e benefici della Meditazione taoista

Diversi i temi toccati nei vari capitoli, a cominciare da quella “Introduzione alla pratica” in cui viene spiegata l’importanza che un minuto di meditazione può avere per imparare ad ascoltare e capire meglio se stessi. Nel capitolo “Il metodo OMM” viene invece spiegato il meccanismo con cui le 5 “chiavi” aprono alla pratica meditativa e quali sono gli esercizi per trarre il massimo beneficio.

=> Leggi quali sono i benefici della meditazione contro l’ipertensione

Spazio poi ai capitoli “Approfondiamo”, dove sono esposte le fasi che vedono il proprio stato interiore muovere “dall’area di (s)Conforto all’area della Vita”, e “La tecnica”, dove vengono descritti e spiegati gli elementi e le istruzioni per procedere con la meditazione OMM. Come ha riferito l’autore del libro:

OMM è un testo che nasce da un’esperienza lunga 40 anni basata non solo su di uno studio approfondito della meditazione attraverso testi antichi e moderni, ma anche dall’incontro con migliaia di persone di tutte le età e provenienti da varie parti del mondo.

Spero che questo testo possa aiutare molte persone a conoscere meglio se stesse e a sentirsi protagoniste e partecipi, autrici della propria vita. Sono convinto che questo traguardo costituisca un passo fondamentale per costruire un mondo più giusto.

8 maggio 2018
Lascia un commento