Sulle crocchette di pollo del McDonald’s negli ultimi anni se ne sono dette di cotte e di crude. Il colosso americano dei fast food è stato accusato di usare una quantità di pollo risibile nella preparazione dei McNuggets a vantaggio di altri ingredienti meno salutari.

Un recente studio del New York Obesity Nutrition Research Center ha dimostrato che il 57% delle calorie delle crocchette proviene infatti dai grassi. La bassa percentuale di proteine fa sospettare che il pollo non sia l’ingrediente principale tra gli oltre 30 elencati dall’azienda alimentare.

Non tutte le voci messe in circolo sulle crocchette di pollo del McDonald’s sono vere. Tra i falsi miti c’è l’impiego di ossa, zampe, unghie e altri scarti del pollo di scarsa qualità nutrizionale nella produzione delle crocchette.

Nella lista degli ingredienti è presente la dicitura carne di pollo disossato. Tra gli altri ingredienti figurano acqua, amido alimentare, sale, aromi, spezie, farina di mais, farina di frumento, agenti lievitanti e destrosio. Alle calorie delle crocchette vanno aggiunte quelle della frittura, che spesso avviene in oli vegetali idrogenati per favorire il processo di conservazione, e delle salsine che accompagnano le croccanti pepite.

Di recente a cercare di fare chiarezza sugli ingredienti delle crocchette del McDonald’s è stato un reportage realizzato dall’esperto di carni Amy Steward e dal presentatore televisivo Grant Imahara. Il servizio, pubblicato su YouTube e realizzato con il supporto della stessa compagnia, ha ripreso l’intero processo produttivo dei McNuggets all’interno della Tyson Food, uno stabilimento del Tennessee che produce crocchette per conto del colosso.

Nel video non c’è traccia di becchi e zampe di pollo aggiunti all’impasto per tagliare i costi di produzione. La ricetta delle crocchette prevede l’impiego di carne di pollo e della sola pelle. Quest’ultima è presente in quantità ridotte al solo scopo di rendere più gustosi i McNuggets. Al preparato a base di carne vengono poi aggiunte le spezie per dare sapore e la pastella, che le rende croccanti e dorate.

Malgrado l’assenza di becchi e ossa di pollo tritate l’elevato apporto calorico delle crocchette, pari a 280 calorie a porzione, ne suggerisce un consumo saltuario all’interno di una dieta sana con pochi cibi fritti e tanta frutta e verdura.

30 settembre 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento