McDonald’s riduce porzioni e grassi nei menu per bambini

Può un menu di McDonald’s diventare più salutare? La nota catena di fast food ci sta provando con una serie di modifiche volte a ridurre il numero di calorie dai suoi Happy Meals e a contenerne le porzioni. La prima “vittima” di questa operazione salutista? Il cheeseburger.

A partire da giugno 2018, McDonald’s inizierà a introdurre alcuni cambiamenti ai pasti per bambini nei suoi punti vendita statunitensi. Se in Italia abbiamo recentemente visto la vendita del Junior Chicken, un panino a base di pollo alla griglia contenente proteine magre, negli USA saranno attuati nuovi criteri nutrizionali per abbattere il contenuto delle calorie dell’Happy Meal.

=> Leggi di più sull’hamburger vegano testato da McDonald’s

Almeno il 50% delle opzioni con cui poter comporre il box dovranno corrispondere ai nuovi criteri e ogni pasto avrà 600 calorie, non più del 10% di calorie saranno legate a grassi saturi, non vi saranno più di 650 milligrammi di sodio e non oltre il 10% di calorie provenienti da zuccheri aggiunti.

=> Guarda il video che mostra come vengono prodotti i McNuggets di McDonald’s

McDonald’s rimuoverà il cheeseburger come opzione base dell’Happy Meal e non sarà possibile mangiarlo a meno che i clienti non lo richiedano esplicitamente. La catena di fast food sta poi riducendo le dimensioni delle patatine che vengono incluse nel box dell’Happy Meal e riformulando il latte al cioccolato per renderlo meno zuccheroso. L’acqua in bottiglia diventerà a breve una opzione predefinita per il menu per bambini e McDonald’s ha anche promesso di continuare a promuovere frutta e verdura fresca in questi box.

Certamente questi cambiamenti non trasformano gli hamburger o le crocchette di pollo (o Chicken Nuggets, come la catena le ha chiamate) in alimenti salutari. Ma gli esperti della salute pubblica e di McDonald’s stessa affermano che abbiano il potenziale per migliorare in modo incrementale le diete di milioni di bambini americani. Tre bambini su dieci in America mangiano fast food ogni giorno, secondo i dati dei centri per il controllo dei disturbi alimentari e la prevenzione.

20 febbraio 2018
Immagini:
Lascia un commento