Maturità: la dieta migliore per preparare gli esami

Il periodo della maturità è quello più stressante e impegnativo nella vita dello studente che frequenta le scuole superiori. Soprattutto quando si somma, all’intensa preparazione scolastica in vista delle varie prove, un caldo record come quello che contraddistingue gli ultimi anni le difficoltà si moltiplicano. Una dieta sana e bilanciata assume quindi un ruolo di particolare rilievo nel garantire le giuste energie all’organismo.

=> Scopri i rimedi naturali anti stress per la maturità

La dieta migliore per gli studenti che preparano la maturità è senz’altro composta da piatti leggeri, ma dall’elevato potenziale energetico. A questi vanno sommati alcuni spuntini salutari, in grado di restituire vitamine e sali minerali consumati con l’attività di studio, oltre al tenersi lontano dai “falsi amici”.

Cosa mangiare

Nel menu che dovrebbe rappresentare il pasto ideale per lo studente alle prese con la maturità devono trovare posto verdure, frutta, eventualmente anche pesce e uova. Esistono inoltre alcuni rimedi naturali che consentono di fare rifornimento di energia in modo del tutto salutare e di mantenere la mente sveglia e attiva, anche più efficaci del caffé (che al contrario presenta importanti controindicazioni in tal senso).

Al mattino è importante affrontare la colazione scegliendo alimenti il più possibile naturali. Evitare snack e merendine confezionate, ma preferire prodotti da forno, marmellate senza zuccheri aggiunti e una tazza di tè. Da non dimenticare la frutta.

Il pranzo deve essere nutriente, ma non deve appesantire. Al contrario deve consentire un agevole ritorno sui libri anche in occasione di giornate particolarmente calde. Ecco quindi che insalatone, primi piatti freddi e pesce azzurro si rivelano ottimi alleati.

Alla sera meglio tenersi leggeri per evitare di avere difficoltà nel prendere sonno al momento di mettersi a letto. Inoltre un carico eccessivo per l’apparato digerente si tradurrà anche in un più complicato ritorno sui libri in caso di studio serale. Ecco una proposta di menu giornaliero per affrontare la maturità, con qualche possibile alternativa:

  • Colazione – Una tazza di tè o un caffè (senza esagerare durante la mattinata); alcun biscotti o cereali integrali (max. 40 grammi) con del latte (anche di tipo vegetale, ad esempio di mandorle), sostituibili in alternativa con pane integrale e marmellata a basso contenuto di zuccheri; un frutto a scelta.
  • Pranzo – Una insalatona ricca con lattuga, arance e olive accompagnata da 2 fette di pane (meglio se integrale) e una porzione di legumi, a cui seguirà un altro frutto (meglio se di differente “colore” rispetto al mattino); Altra possibilità è un piatto di riso al curry, seguito da pesce azzurro e un pezzetto di formaggio, per poi concludere con un frutto (come sopra, possibile inoltre consumare anche una piccola porzione di insalata con lattuga, arance e finocchi).
  • Cena – La cena può essere composta da un piatto di riso ai funghi abbinato a dei formaggi freschi oppure a una porzione di legumi e delle verdure di stagione, anche qui seguirà della frutta; Altra possibilità quella di consumare un piatto unico di pesce, con contorno di verdure fresche e una porzione di frutta.

=> Leggi quali sono le 5 migliori alternative al caffè

È consigliato concedersi uno spuntino sia a metà mattinata che tra il pranzo e la cena, utile sia per reintegrare le energie perdute attraverso il consumo di snack naturali che per rilassare la mente. A questo proposito sono consigliati piccoli quantitativi di frutta secca col guscio (mandorle dolci, noci, pistacchi non salati e se possibile non tostati, anacardi). Si anche all’uvetta o uva passa, senza però esagerare con il consumo vista l’elevato apporto calorico.

Energizzanti naturali

Vi sono inoltre alcuni energizzanti naturali utili sia come alternativa al caffè che per assicurare diversi benefici alla salute. Tra questi vi è il tè verde Matcha, ricco di antiossidanti e in grado di accelerare il metabolismo; inoltre contiene in minima parte caffeina e può aiutare a mantenere alto il livello di concentrazione durante lo studio.

Altra possibilità è offerta dalla Yerba mate: ricca di antiossidanti e benefica per il sistema nervoso centrale, questa bevanda è associata a un’azione di slancio per quanto riguarda le energie fisiche e mentali. Ottimo in questo senso anche il ginseng, che aiuta a sostenere anche il sistema immunitario (messo a dura prova dallo stress pre-esami).

Un piccolo consiglio extra riguarda la possibilità di praticare la meditazione. Questi esercizi consentono non soltanto di ridurre lo stress accumulato in questo periodo, ma anche di aumentare la capacità di concentrazione e incrementare la soglia di attenzione.

22 giugno 2017
Lascia un commento