Siamo a maggio, il mese prediletto dagli aspiranti sposini per convolare a nozze e tempo dunque anche di conti. Li ha fatti l’ONF (Osservatorio Nazionale Federconsumatori), che ha confrontato i prezzi dei matrimoni nel 2016 con quelli nel 2015. Risulta che nell’anno in corso i prezzi siano saliti del 1-2% rispetto all’anno scorso e una delle soluzioni che sembra essere in testa alle scelte è quella di coniugare il “low cost” con il green.

Nel 2016 un matrimonio di 100 invitati organizzato con tutti i crismi costa dai 36 mila ai 60 mila euro, una cifra proibitiva per la maggior parte delle persone. Costo che sembra influenzare anche il numero dei matrimoni al di sotto dei 35 anni, in calo negli ultimi anni secondo l’ISTAT.

Con un matrimonio low cost, per lo stesso numero di invitati, si può invece arrivare intorno ai 12 mila euro, con un risparmio fino al 74%. Un matrimonio green permette poi di associare pratiche a basso impatto con la creatività personale. Possono per esempio essere realizzate con le proprie mani bomboniere, inviti, segnaposto, portafedi, centrotavola. Basta partire con un po’ di anticipo, organizzandosi per bene.

Si può far ricorso a carta, canapa, materiali riciclati, inchiostro green, ma un matrimonio all’insegna dell’amore anche per l’ambiente può prevedere pure menù a basso impatto, sia nella scelta degli alimenti (vegetariani, vegani, a km zero o comunque legati alle tradizioni locali) che nella volontà di ridurre gli sprechi, ma anche nella scelta di un certo tipo di allestimento.

Una delle mode che si sta diffondendo sia per il risparmio che per la condivisione di un momento speciale con degli amici è la formula del “2×1“: lo stesso matrimonio per due coppie, efficientando l’investimento in fiori, allestimento, pranzo e musica a facendo risparmiare agli sposi fino al 42% e agli invitati almeno il costo dell’abito.

Le location più gettonate sono la campagna, scegliendo qualche masseria, la montagna, optando per qualche malga, ma anche il mare. Contesti semplici in cui anche le decorazioni possono essere più minimali e l’abbigliamento meno formale, ma sempre a tema. In spiaggia per esempio anche il costo delle scarpe per l’occasione risulta superfluo, dal momento che sarebbero più che altro di intralcio.

4 maggio 2016
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento