È un Mastino Napoletano il vincitore dell’edizione 2017 del “World’s Ugliest Dog”, la competizione annuale nata per premiare il cane più brutto del mondo. Un’iniziativa pensata tutt’altro che per scherno, bensì per sensibilizzare sull’innata bellezza di ogni amico a quattro zampe, indipendentemente dalla conformazione fisica. E così Martha, questo il nome dell’esemplare, è riuscita ad aggiudicarsi la tanto ambita corona.

Il concorso è giunto alla sua ventinovesima edizione e, come ormai consuetudine, si tiene nel mese di giugno a Petaluma, in California. Quest’anno lo scettro è stato consegnato a Martha, una cagnolona di razza Mastino Napoletano, dal peso di ben 54 chili. Molti dei quali dovuti alla sua vistosa pelle che, cadendo lungo il suo intero corpo, le conferisce un’espressione davvero unica e altrettanto irresistibile.

=> Scopri il Mastino Napoletano


La proprietaria del Mastino, Shirley Zindler, è orgogliosa del risultato raggiunto dall’animale, capace di battere 13 agguerritissimi concorrenti. Così ha spiegato in un’intervista a margine della premiazione, così come riporta l’agenzia UPI:

È unica. Si potrebbe dire sia brutta, in realtà io penso sia bellissima.

Martha è stata salvata da un rifugio e, a soli tre anni di vita, trovata una nuova famiglia ha dimostrato un’indole estremamente amorevole e pacifica. E, a quanto sembra, la pelle in eccesso non sarebbe affatto un problema, non almeno quanto la sua abitudine a russare fragorosamente: per questo motivo, al quadrupede è vietato dormire nella stessa stanza dei suoi cari. Oltre a un scintillante trofeo, e un viaggio a New York per sé e per la sua famiglia, il Mastino ha anche ottenuto un premio in denaro pari a 1.500 dollari.

=> Scopri il cane più brutto del 2016


A convincere i giudici non solo l’importante stazza dell’animale, ma anche e soprattutto il suo aspetto insolito e irresistibile: quando il cane si sdraia a terra, infatti, la pelle tende ad accumularsi, tanto da sembrare una comoda coperta abbandonata sul pavimento.

26 giugno 2017
Fonte:
UPI
Lascia un commento