Marea nera: BP chiude per la prima volta la falla

BP ha annunciato che la perdita di petrolio del pozzo nel Golfo del Messico è stata fermata, confermando pertanto il buon esito dell’ultima operazione di sostituzione del tappo.

E ciò a seguito di test eseguiti nelle ultime ore sulle valvole del sistema di contenimento, anche se restano tuttora incertezze sull’esito definitivo.

Il vicepresidente di BP, Kent Wells, ha infatti comunicato che non vi è al momento alcuna sicurezza sull’efficacia nel tempo di questa soluzione e non è pertanto possibile prevedere se il greggio riprenderà a sgorgare.

Si tratta comunque di un risultato incoraggiante e la risposta della Borsa di New York non si è fatta attendere, con i titoli della compagnia petrolifera britannica che sono saliti del 7% nel giro di pochi minuti di contrattazione.

Restano purtroppo validi gli scenari inquietanti a lungo termine ipotizzati da esperti universitari mediante attente simulazioni, i quali confermano il danno incalcolabile provocato dal disastro della piattaforma Deepwater Horizon.

16 luglio 2010
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento