Una vettura elettrica totalmente realizzata in Sicilia con l’ambizioso obiettivo di essere la citycar del futuro. Si tratta della Maranello, una piccola automobile nata dalla collaborazione tra la Siciliana energia, esperta nell’installazione di impianti fotovoltaici per famiglie, e la Effedi automotive, che produce auto elettriche.

La sua presentazione è avvenuta ieri nella cornice di Palazzo d’Orleans, sede della Regione Siciliana, alla presenza del Governatore Raffaele Lombardo e ha destato un certo interesse per la peculiarità della vettura, rientrante nel progetto “Io zero” messo a punto dalla Regione per stimolare lo sviluppo e la diffusione di energie rinnovabili.

Il connubio ideale, per la Maranello, è quello di essere ricaricata a casa da elettricità derivante direttamente dall’energia solare, in modo da comportare non solo vantaggi dal punto di vista ambientale o da quello del rumore (punto di forza delle auto elettriche), ma anche da quello economico, visto che, in quel caso, i costi di gestione sarebbero prossimi allo zero.

Ha rimarcato con decisione la “sicilianità” della vettura il Presidente della Regione Raffaele Lombardo, che ha dichiarato:

È stata prodotta con capitali, professionalità specializzate e intelligenze interamente siciliani e fa parte del programma “Io zero” destinato alle famiglie residenti in Sicilia: zero emissioni di polvere sottili, zero consumi e zero rumore. […] L’auto è stata realizzata senza clamore, grazie a un accordo tra la Effedi di Carini e la Ferrari per l’uso del nome Maranello. È un’iniziativa partita due anni fa e che merita la massima attenzione perché è destinata alle famiglie. I benefici, oltre a quelli ambientali, sono tanti: dall’abbattimento dei costi della benzina al risparmio di enormi quantità d’acqua che servono per produrre e trasportare carburante, alla nuova occupazione. Si tratta di benefici legati non soltanto al singolo, ma a tutta la collettività.

Il progetto prevede quindi lo sviluppo di questo tipo di mobilità parallelamente all’installazione di impianti fotovoltaici nelle case, sfruttando i vantaggi del sole, cioè quello che è decisamente un punto di forza dell’isola.

Tecnicamente, la Maranello consumerebbe, se venisse ricaricata con energia elettrica proveniente da fonti non solari, tre euro per ogni 60 chilometri e il suo prezzo di vendita è di circa 12.500 euro più IVA, dando la possibilità di essere guidata dai ragazzi di 14 anni dotati del patentino per ciclomotori.

Piccolo “giallo” sul nome: Lombardo ha parlato, durante la presentazione, di accordo con la Ferrari, un accordo però smentito dalla casa di Maranello qualche ora dopo. Un piccolo mistero che aggiunge interesse attorno alla microcar siciliana.

10 febbraio 2010
I vostri commenti
ziomaul, giovedì 11 febbraio 2010 alle23:47 ha scritto: rispondi »

Il cinquino è un progetto che riutilizza una vecchia Fiat500 che con un euro percorre 100km con una spesa aggiuntiva sui 12'0000euro. www.eurozev.org/Cinquino.htm Dunque non mi sembra un grande successo questa Maranello! Ciao

Lascia un commento