Dieta bio riduce i pesticidi nel corpo in due settimane

I pesticidi nel corpo si possono combattere con la dieta bio. È il risultato di un esperimento che ha coinvolto una famiglia italiana in relazione alla campagna #ipesticididentrodinoi, di FederBio con Legambiente, WWF Italia, Lipu e ISDE-Medici per l’Ambiente.

L’esperimento mette in evidenza i vantaggi di una dieta basata interamente su alimenti biologici. Marta, Giorgio e i due figli Giacomo e Stella si sono sottoposti ad un test che prevedeva un’analisi delle urine iniziale. Da questa analisi è stata evidenziata la presenza di alcuni inquinanti nell’organismo dei componenti della famiglia.

=> Leggi i dati di SANA 2017 sul biologico in Italia

In particolare nei risultati del figlio di 7 anni Giacomo è stato trovato in una concentrazione molto elevata rispetto alla media l’insetticida clorpirifos. Nel padre sono stati riscontrati valori più elevati del doppio di glifosato, nella madre 3,4 microgrammi per grammo di piretroidi.

I componenti della famiglia sono stati invitati dai ricercatori a seguire nei successivi 15 giorni una dieta a base di alimenti da agricoltura biologica. Dopo due settimane i risultati dei test sono cambiati profondamente nell’80% delle nuove analisi. 13 test su 16 hanno mostrato notevoli differenze rispetto ai valori iniziali.

=> Leggi perché il cibo biologico è considerato più salutare

Il glifosato nel padre è stato completamente eliminato, mentre nei più piccoli è diminuito di 0,19 e di 0,16 microgrammi per litro. Il clorpirifos, un elemento molto pericoloso perché capace di danneggiare le capacità di memoria e di attenzione nei bambini, ha subito un calo nelle analisi del figlio da più di 5 microgrammi per grammo a 1,5 microgrammi. L’oncologa Patrizia Gentilini ha precisato:

Quello della famiglia di cui parliamo è solo un test di bio monitoraggio, ma conferma risultati ottenuti con metodi che hanno superato il vaglio della pubblicazione di riviste scientifiche molto qualificate e che dimostrano i risultati che si possono ottenere anche con un breve periodo di alimentazione bio.

Questo non è il primo esperimento che dimostra alcuni possibili effetti benefici della dieta bio. Due ricerche svolte nel 2006 e nel 2013 hanno messo in evidenza che, attraverso un’alimentazione biologica, sarebbe possibile diminuire il rischio della malformazione genitale nei bambini chiamata ipospadia. Di recente anche l’Unione Europea è intervenuta sull’argomento, pubblicando uno studio che dimostra gli effetti positivi di una dieta senza pesticidi su problemi come obesità e patologie allergiche.

1 dicembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento