Mangiare frutta e verdura ogni giorno protegge l’organismo umano dall’ictus. A sostenerlo il Dr. Yan Qu, direttore del reparto di terapia intensiva del Qingdao Municipal Hospital (Cina), secondo il quale un’alta percentuale di rischio potrebbe essere ridotta con l’aggiunta al consumo giornaliero di circa 200 grammi di prodotti ortofrutticoli.

Grazie al contributo di questi prodotti naturali sarebbe possibile, spiega il Dr. Qu, una riduzione del rischio ictus pari del 32% ogni 200 grammi di frutta consumati e dell’11% per un pari quantitativo di verdura.

Un quantitativo, quello dei 200 gr., pari a circa 2,5 porzioni di frutta e verdura secondo la definizione adottata dall’OMS (80 gr./porzione). Ricordiamo ad ogni modo che per una corretta dieta l’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia l’assunzione di almeno 5 (se non 7) porzioni giornaliere.

Tornando allo studio, stando ai risultati ottenuti un consumo regolare di frutta e verdura mantiene aiuta a controllare la pressione alta, l’indice di massa corporeo e previene infiammazioni e valori troppo alti di colesterolo: tutti possibili fattori di rischio per il manifestarsi dell’ictus.

Secondo quanto afferma lo stesso ricercatore, che per lo studio si è avvalso dei dati forniti da 20 ricerche precedenti condotte negli ultimi 19 anni in vari Paesi del mondo (6 USA, 8 Europa e 6 Cina e Giappone), la propria dieta può recitare un ruolo di estrema importanza per la prevenzione della patologia:

Migliorare la dieta e lo stile di vita è cruciale per la riduzione del rischio di infarto e ictus nella popolazione generale.

In particolare, una dieta ricca di frutta e verdura è altamente raccomandata perché unisce micronutrienti, macronutrienti e fabbisogno di fibre senza superare il complessivo consumo energetico.

9 maggio 2014
Fonte:
I vostri commenti
primiano, venerdì 5 settembre 2014 alle19:14 ha scritto: rispondi »

Sono assolutamente daccordo per quanto riguarda frutta e verdura, però 7 porzioni mi sembrano esagerate, teniamo presente che c'è gente che non tollera le fibre.

Lascia un commento