La parte carnosa del frutto dell’albero di noce, detta mallo, rappresenta una risorsa non tanto dal punto di vista alimentare, quanto in ambito estetico e medico. Di colore verde in origine, si caratterizza successivamente per una tonalità vicina al marrone scuro a causa dell’azione dei tannini, sostanze responsabili anche di conferire il sapore amaro di questo prodotto.

=> Scopri i rimedi per la caduta dei capelli in autunno


Il mallo di noce contiene numerose qualità, dai flavonoidi allo juglone, che svolge un’azione benefica nel contrastare funghi e batteri e dona a questa parte del frutto proprietà antisettiche e vermifughe. Prima di analizzare il potenziale pigmentante del mallo di noce, utilizzato sia per la pelle sia per la colorazione dei capelli, è opportuno soffermarsi ancora un momento sulle sue particolarità utili all’organismo.

Proprietà

Come accennato, ingrediente fondamentale del mallo di noce sono i flavonoidi, composti chimici naturali dei quali è noto il potenziale antiossidante e in grado non solo di rallentare l’invecchiamento ma anche di contribuire alla prevenzione di alcune patologie inerenti il sistema cardiovascolare, ma non solo.

La noce e tutte le sue parti, inoltre, sono ricche di vitamina E e di vitamine del gruppo B, compresa la folacina (o acido folico), componenti che si rivelano importanti per il benessere e la salute della pelle e di tutti gli annessi cutanei.

Benefici per i capelli

Oltre a essere adoperato per favorire l’abbronzatura e inserito come ingrediente di numerosi prodotti solari, l’olio di mallo di noce vanta effetti particolari anche se impiegato nella cura dei capelli. In particolare, è in grado di agire come pigmentante donando alla chioma riflessi bruni e rossastri, anche in unione con prodotti a base di henné. I riflessi ottenuti variano a seconda del colore originale dei capelli, tanto che nelle persone bionde è possibile ottenere tonalità decisamente più scure di varia intensità.

=> Scopri come rinforzare i capelli


La capacità di variare il colore dei capelli dipende dalla presenza di juglone, componente che unendosi alla cheratina dà origine a un agente pigmentante abbastanza potente ma del tutto naturale.

Come usarlo

Per ottenere una lozione riflessante da usare sui capelli, è sufficiente procurarsi in erboristeria circa 100 grammi di mallo di noce ridotto in polvere e una dose equivalente di henné neutro in polvere: i due componenti devono essere amalgamati aggiungendo acqua calda fino a realizzare una crema liscia e omogenea.

=> Scopri i benefici dello zucchero per i capelli


Questo composto deve essere lasciato riposare per un quarto d’ora prima di essere applicato sui capelli asciutti distribuendo in modo uniforme, avendo cura di avvolgere la testa con della pellicola trasparente da tenere in posa per un paio di ore. Dopo aver sciacquato accuratamente è possibile procedere con il lavaggio tradizionale e con la piega.

Controindicazioni

Deve prestare attenzione prima di usare il mallo di noce come riflessante chi soffre di allergia alle noci o alla frutta secca in generale, infatti in casi come questi fastidiose reazioni potrebbero verificarsi anche a livello cutaneo.

10 ottobre 2017
Lascia un commento