Il sistema immunitario dovrebbe essere in grado di contrastare l’attacco quotidiano di una quantità incalcolabile di virus e batteri, talvolta impedendo il contagio oppure favorendo la guarigione. In presenza di una malattia autoimmune, invece, l’organismo perde questa capacità accendendo una reazione contro le cellule e i tessuti, percepiti come nemici e come agenti esterni potenzialmente pericolosi.

=> Scopri come rinforzare il sistema immunitario


Le malattie autoimmuni hanno in comune questa anomalia e scatenano una risposta avversa e inspiegabile nei confronti una parte del corpo, o contro l’intero organismo, aggredendo e causando danni di varia gravità. L’elenco di queste patologie è molto lungo e una classificazione di base prende in considerazione proprio l’attacco diretto a un determinato organo o tessuto, come può essere il sangue, la pelle, le articolazioni, oppure un’aggressione che si manifesta a livello sistemico.

Risalire alle cause che provocano una patologia autoimmune non è facile e molto dipende dalla tipologia di malattia che si prende in considerazione, sebbene molti studi scientifici siano concordi nel considerare fattori genetici ed ereditari così come alcune variabili ambientali.

Sintomi aspecifici

Le malattie autoimmuni colpiscono mediamente il 6% della popolazione a livello mondiale e la lista conta oltre quaranta patologie finora identificate. Trovare sintomi comuni a tutte è molto difficile, soprattutto se a essere colpito è un organo specifico: in generale si può affermare che chi soffre di una patologia autoimmune manifesta spesso vertigini, stanchezza, irritabilità e talvolta stati febbrili.

=> Scopri i cibi benefici per il sistema immunitario

Ovviamente si tratta di sintomi del tutto aspecifici che possono essere ricondotti a una pressoché infinita quantità di altre malattie o disturbi che non coinvolgono il sistema immunitario, pertanto si rende sempre indispensabile fare riferimento al parere del medico.

Sintomi peculiari

Entrando più nello specifico della sintomatologia associata alle malattie autoimmuni più diffuse e conosciute, è possibile menzionare ad esempio la psoriasi, una patologia che coinvolge la pelle con la comparsa di chiazze di forma tondeggiante ricoperte di squame e spesso pruriginose.

Anche l’artrite reumatoide è abbastanza diffusa e si manifesta attraverso un progressivo indolenzimento delle articolazioni, specialmente dita, polsi e gomiti, accompagnato da debolezza e stanchezza diffusa.

Se la fibromialgia colpisce le ossa e i muscoli provocando dolore e affaticamento, la sclerosi multipla intacca il sistema nervoso centrale a causa di un progetto degenerativo della mielina, il particolare rivestimento che ricopre le fibre nervose. In questo caso i sintomi iniziali possono comprendere astenia, disturbi visivi e motori, perdita di sensibilità al tatto.

Il Morbo di Crhon, invece, colpisce l’intestino che si presenta costantemente infiammato con il conseguente sviluppo di dolori addominali, diarrea alternata a stipsi, malessere generale e perdita di peso.

Anche il diabete mellito di Tipo 1 è da annoverare tra le malattie autoimmuni, determinato dalla produzione di autoanticorpi che aggrediscono un particolare tipo di cellule pancreatiche incaricate di produrre insulina. Tra i campanelli d’allarme rientrano un notevole aumento del volume urinario, un incremento della sete e un dimagrimento improvviso e inspiegabile.

=> Scopri la dieta con pochi carboidrati per il diabete


Di origine autoimmune può essere anche una forma di alopecia totale, che interessa il cuoio capelluto, o anche universale se riguarda tutto il corpo, mentre una pluralità di sintomi caratterizza il Lupus Eritematoso Sistemico (L.E.S.): tra quelli iniziali compaiono spesso stati febbrili, anemia e un particolare tipo di eritema al volto detto “a farfalla”, oltre a tendiniti e pericarditi.

Anche la tiroide, infine, può essere coinvolta in una patologia autoimmune – la Tiroidite di Hashimoto – accompagnata da una serie di sintomi relativi all’ipertiroidismo, come tachicardia, dimagramento, ansia.

26 maggio 2017
Immagini:
Lascia un commento