Maker Faire Rome 2018: il 30 giugno stop alle iscrizioni

Torna Maker Faire Rome, dal 12 al 14 ottobre 2018 presso la Fiera di Roma. L’appuntamento con l’innovazione e la creatività “fai da te” di cui GreenStyle è media partner. Diverse le sezioni a cui è possibile iscriversi (ad esempio scienza, agricoltura, energia, salute), con la consegna delle richieste di partecipazione che dovrà avvenire entro il 30 giugno.

C’è ancora tempo per aderire alla “Call for Makers” di Maker Faire 2018, la “chiamata all’azione” per gli inventori e i creativi che hanno un progetto innovativo e interessante da proporre. Spazio anche a idee e novità “Green”, in particolare nella sezione “Energia, sostenibilità, riciclo”, che puntano quindi a innovare in maniera sostenibile ed ecocompatibile.

=> Guarda le interviste ai protagonisti di Maker Faire Roma

Sarà possibile esporre il proprio progetto o a seconda delle necessità fare una presentazione al pubblico, tenere un workshop o svolgere un’esibizione presso uno degli spazi appositamente dedicati. Potranno candidarsi anche le scuole attraverso la “Call for Schools” oltre alle università pubbliche e i centri di ricerca pubblici, che potranno rispondere alla “Call for Universities and Research Institutes”. Queste le sezioni aperte in occasione di Maker Faire 2018:

  • Inventori e innovatori – prodotti innovativi, prototipi, brevetti, progetti di ricerca, startup, crowdfunding. Quando un maker si lancia sul mercato, deve passare per Maker Faire Rome! Anno dopo anno costruiamo il futuro insieme.
  • Artigiani innovativi – strumenti e tecniche di digital fabrication, dalla stampa 3D alle macchine CNC, dalla lavorazione creativa di legno e metallo alle tecniche digitali per l’abbigliamento e il design, ma anche il craft, l’artigianato di alto livello e la riscoperta delle capacità manuali.
  • Elettronica – dai microcontrollori al retrocomputing, dalla sensoristica all’Internet of Things, dal circuit bending all’hacking, dal machine learning all’open hardware.
  • Cibo e agricoltura – l’innovazione nell’alimentazione (cibi, macchine, robotica, metodi di preparazione e conservazione) e nell’agricoltura (agro-tech, innovazione rurale, automazione, monitoraggio).
  • Robotica e macchine – dai robot su ruote agli animatroni, dagli umanoidi alle macchine di Goldberg, dall’intelligenza artificiale fino all’automazione industriale.
  • Salute e qualità della vita – ausili per la disabilità, ma anche per la vita quotidiana, dispositivi biomedicali, accessori per lo sport, progetti legati al corpo umano in genere.
  • Arte, interazione e gioco – progetti che usano la luce, il buio, il suono, la musica; arte robotica, creative coding, strumenti musicali, realtà virtuale ed installazioni che coinvolgano i visitatori.
  • Scienza, chimica, ingegneria – dimostrazioni, installazioni (exhibit), laboratori e spettacoli scientifici per adulti e bambini.
  • Energia, sostenibilità, riciclo – dalle rinnovabili all’upcycling, dal riciclo dei materiali alla riparazione degli oggetti, dall’acqua all’ambiente.
  • Progetti di grandi dimensioni – innovativi o ludici, fissi o semoventi, scultorei o tecnologici, i progetti giganti sono sempre le grandi attrazioni che restano nei ricordi di tutti.
  • Droni, biciclette, progetti per i beni culturali, mobilità, fotografia, sicurezza e ogni altro settore non elencato.

=> Leggi qui le modalità di invio dei progetti candidati a Maker Faire 2018

I progetti che verranno selezionati parteciperanno gratuitamente e i “maker” potranno vendere direttamente al pubblico. Potranno candidarsi soltanto coloro che saranno in grado di presentare, se non l’idea compiutamente realizzata, quantomeno un prototipo funzionante.

11 giugno 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento