Nota sin da tempi antichi, e di recente tornata in voga nelle ricette dello Stivale, la maizena è uno degli ingredienti alimentari più amati e impiegati in cucina. Conosciuta anche come amido di mais, viene ricavata da questo importante cereale attraverso uno speciale processo di lavorazione. Ma quali sono le proprietà della maizena e quali suoi utilizzi più famosi?

Così come già accennato, la maizena è un ingrediente molto diffuso, sebbene sia forse maggiormente conosciuta con il nome di amido di mais. L’impiego è oggi particolarmente frequente grazie anche alle nuove necessità alimentari, nonché alla crescita di alcune patologie legate alla digestione: la maizena, infatti, può spesso sostituire le principali farine. Di seguito, le proprietà generali e gli utilizzi più comuni.

Maizena: cosa è?

La maizena è un amido del mais, ricavato dal chicco di questa pianta erbacea attraverso un processo di macinazione in umido. Il prodotto si caratterizza come una polvere finissima di intesa colorazione bianca, nonché particolarmente solubile in acqua.

=> Scopri l’amido di riso

In modo simile alla produzione di altri amidi derivati dai cereali, la maizena viene realizzata tramite la lavorazione dell’endosperma del chicco. Per ricavare la classica farina, invece, si ricorre a tutte le parti del chicco stesso, quindi compreso anche il germe e la crusca: questa peculiarità determina la differenza dei due prodotti in termini nutrizionali.

Particolarmente solubile in acqua, la maizena viene impiegata sin da tempi antichi, ma negli ultimi anni ha trovato un grande successo commerciale. Date le proprietà simili alla farina, infatti, l’amido in questione viene spesso impiegato come sostituto, in particolare per la preparazione di ricette orientate alle persone affette da celiachia. La maizena, come del resto il mais in generale, è infatti completamente priva di glutine.

Maizena: proprietà e usi comuni

La maizena presenta dei valori nutrizionali del tutto simili al mais, da cui proviene, seppur con qualche differenza rilevante. Per 100 grammi di prodotto, si contano ben 381 calorie, suddivise in 91 grammi di carboidrati, 0.3 di proteine e 0.1 di grassi. L’alto contenuto in carboidrati non deve preoccupare, poiché caratteristica intrinseca di qualsiasi tipo di amido. Interessante è anche l’apporto di sali minerali: l’amido di mais, infatti, vede buone quantità di sodio, potassio, calcio, magnesio e ferro. Di medio livello, invece, è il contenuto in fibre alimentari: 0.9 grammi sempre su 100 di prodotto.

=> Scopri l’amido resistente

Come gran parte degli amidi, anche la maizena presenta delle importanti qualità, sia dal punto di vista alimentare che per impieghi secondari. Innanzitutto, così come già accennato, si tratta di un alimento completamente privo di glutine: un fatto molto importante per i consumatori intolleranti o affetti da celiachia, poiché la consistenza leggera e impalpabile la rende un perfetto sostituto delle più classiche farine. Inoltre, sembra che l’assunzione di maizena aiuti l’organismo nella gestione dello zucchero nel sangue: dopo l’assunzione, soprattutto di un preparato cotto, sembra che la maizena sia in grado di rilasciare glucosio molto lentamente.

Impieghi della maizena

L’impiego principale della maizena avviene in cucina, dove viene scelta per vari scopo. Principalmente, si tratta di un ottimo addensante: l’ingrediente perfetto, di conseguenza, per salse, creme, minestre e budini. Poi, l’amido di mais è un perfetto sostituto della farina di frumento, anche per le preparazioni da forno, nonché uno degli ingredienti principali della classica polenta. Può essere inoltre scelto per conferire maggiore friabilità a tutti i preparati da lievitazione, ma anche abbinato a riso o fecola di patate per mantenere morbide e compatte creme e passati. Non ultimo, la maizena è da sempre molto gettonata in pasticceria, poiché esalta alcuni gusti dolci, senza richiedere un eccessivo ricorso a zuccheri complessi.

L’amido di mais, tuttavia, trova usi molto interessanti anche lontano dalla cucina. È infatti uno degli ingredienti di creme e cosmetici, sia casalinghi che d’acquisto, in particolare per il suo effetto sia emolliente che tampone. Inoltre, è spesso scelto come rimedio naturale per le irritazioni più frequenti della pelle, ad esempio per alleviare il fastidio dovuto alle scottature da abbronzatura oppure alla più classica orticaria.

17 dicembre 2016
Lascia un commento