Dall’aspetto maestoso, imponente e dall’altezza rilevante, il Maine Coon è un gatto che ovviamente non passa inosservato. In molti ne temono le dimensioni, per paura che possa rivelarsi un animale aggressivo, pronto all’azione. Ma ciò non ricalca il reale comportamento di questo mastodontico gattone, dall’indole serafica. È un animale elegante, raffinato, che detesta il contrasto ma che si aspetta vengano rispettati i suoi spazi e le sue esigenze, come è giusto che accada nei confronti di ogni animale. Il micio è originario del Nord America, dello stato del Maine da cui prende il nome ed è il felino ufficiale. La sua è una storia antica: i primi avvistamenti sono stati certificati proprio nello stato in questione. Ma la sua coda piuttosto folta lo ha spesso affiancato alla figura del procione. Per questo il gatto ha un duplice nome: Maine dallo stato di provenienza e Coon da “racoon”, il termine inglese dell’orsetto lavatore.

=> Scopri le migliori razze di gatti per bambini


Le origini del gatto sono comunque infarcite di leggende e storie inventante: in molti vogliono credere provenga da un incrocio tra il procione e la lince. Cosa che non tutti gli studiosi tendono ad escludere. Le sue orecchie particolari e la coda folta hanno alimentato più di una leggenda. Altri hanno associato l’animale a un lignaggio più elevato, facendolo discendere addirittura dalla Regina Maria Antonietta. Secondo le notizie riportate, la regnante avrebbe tratto in salvo sei gatti d’Angora, spedendoli a Wiscasset nel Maine, per liberarli dalla Rivoluzione Francese. Teorie fantasiose che si scontrano con una realtà molto più pratica, il Maine Coon potrebbe essere il risultato di un incrocio tra felini a pelo corto e felini a pelo lungo provenienti dal nord Europa. Giunti in America attraverso le navi vichinghe oppure come gatti di bordo delle navi dei coloni, per eliminare i topi nelle stive. La prima apparizione certificata è del 1861, mentre in Italia è giunto solo nel 1986, catturando sempre più l’attenzione nostrana.

Maine Coon: carattere e curiosità

A dispetto della sua immagine elegante, possente e regale, il Maine Coon è un gatto poco altezzoso, per nulla distante e sicuramente non pericoloso. Ciò che lo caratterizza è un’espressione definita sognante, seguita da un carattere positivo, docile e pacifico. Per questo è il candidato ideale per vivere a stretto contatto con i bambini e gli anziani, con cui adorerà giocare e sonnecchiare. Ma è importante che i bambini vengano introdotti alla sua presenza con la giusta cura e rispetto, al contempo il Maine Coon dovrà comprendere di essere parte integrante di un nucleo familiare-branco e non il leader assoluto.

=> Scopri il Maine Coon gigante


Il felino mostra una spiccata intelligenza e una propensione per la caccia e la scoperta, per questo l’idea di farlo svagare in giardino non è sbagliata. Ama interagire e non è strano vederlo dare la zampa o riportare un oggetto. Come anticipato, è un gatto piuttosto grande, il peso nei maschi può variare tra i sette e gli undici chili e nelle femmine tra i cinque e sette chilogrammi. È un esemplare adatto agli ambienti dove la temperatura può risultare più rigida, che può affrontare grazie al pelo folto e spesso. La sua fisicità cammina di pari passo a un ottimo appetito, quindi a una salute quasi ferrea. L’animale è predisposto per problemi di natura cardiovascolare, conseguenza di incroci continui dettati dall’uomo.

17 luglio 2017
Immagini:
Lascia un commento