Si è parlato spesso delle tecniche per fare il bucato pur rinunciando ai detersivi commerciali, non sempre amici dell’ambiente. Che fare, però, quando si vuole rimuovere una macchia al volo? È certamente capitato a tutti: si indossa il vestito perfetto per un’occasione unica, si sta per uscire di casa e, in modo del tutto inatteso, ci si sporca magari con del trucco o con del cibo. Fortunatamente, sono molti i prodotti naturali e casalinghi che possono correre in soccorso anche delle urgenze più insormontabili.

I rimedi naturali che si andranno a elencare si dividono in due grandi gruppi: quelli dedicati alle situazioni d’urgenza e quelli, invece, che possono fungere da coadiuvante del normale lavaggio, per capi d’abbigliamento sempre impeccabili.

Rimedi nei casi d’urgenza

Macchia di caffè

Woman With Stains On Shirt via Shutterstock

Conoscere delle rapide soluzioni per l’eliminazione anche delle macchie più persistenti può davvero salvare la vita, o almeno la reputazione. Non sempre si ha la possibilità di cambiar abito e, anche quando ciò fosse possibile, sarebbe consigliabile agire in fretta per contrastare la macchia, affinché non penetri in profondità nelle fibre rendendo la rimozione complicata. Ecco una lista di validi ritrovati, suddivisi per tipologia di macchia:

  • Olio o sostanze grasse: si disponga una piccola quantità di borotalco sulla macchia, uno strato ben compatto, e lo si lasci riposare per qualche minuto. Il forte potere adsorbente della polvere non farà altro che assorbire la sostanza oleosa, rimuovendola dal tessuto. È importante però agire tempestivamente e fare attenzione alla rimozione del composto. Per evitare che i tessuti si riempiano di polvere, infatti, bisogna tamponare un panno imbevuto lievemente d’acqua e ripetere l’operazione fino a completa pulizia;
  • Caffè: si versi immediatamente sulla zona sporca un piccolo quantitativo di acqua bollente e si tamponi il tutto con una spugna. Il calore dell’acqua diluirà e farà evaporare il caffè, con l’esito finale di un impercettibile alone soprattutto sui capi scuri;
  • Aloni di sudore: a volte si è costretti a rimanere fuori casa da mattina a sera e, così, su camicie e maglie si manifestano quegli antiestetici aloni del sudore. Un rimedio immediato per eliminare lo strato giallognolo sulla zona delle ascelle è quello di versare un po’ di acqua ossigenata: le bollicine che si verranno a formare dal contatto con lo sporco libereranno facilmente le fibre da ogni effetto indesiderato. Attenzione, però, meglio verificare prima la resistenza del colore;
  • Terra e fango: in una giornata piovosa è facile sporcarsi gonne e pantaloni da schizzi di terra e fango. Una volta secchi, si sfreghi energicamente la parte per eliminare lo strato terroso superficiale. Quindi si tamponi con dell’acqua calda, così da sciogliere i residui eventualmente penetrati in profondità nei tessuti;
  • Vino: per le macchie di vino, sia rosso che bianco, bisogna intervenire tempestivamente anche se non vi è urgenza, perché tendono a permanere sul vestito anche dopo numerosi lavaggi. Si prepari una soluzione al 50% composta da acqua e al 50% da acqua ossigenata e la si versi in abbondanza sul tessuto, sempre dopo aver verificato la resistenza del colore;
  • Cibi e bevande zuccherate: può capitare spesso di sporcarsi con un alimento zuccherato, che sia un cocktail o una fetta di torta. In questo caso, un fondo di caffè può fare al caso nostro: assorbe la parte superficiale della macchia, quella che rischia di impregnare le fibre una volta secca;
  • Sangue: può capitare di ferirsi mentre si è fuori casa e di sporcare una camicia con qualche goccia di sangue. Per la rimozione, a macchia ancora fresca, si versi dell’acqua fredda affinché la macchia si diluisca. Non si usi, invece, l’acqua calda: ha un potere fissante.

Coadiuvanti del bucato

Superate le situazioni d’urgenza, si posso consigliare alcuni rimedi per pretrattare le macchie prima del ciclo di lavaggio a mano o in lavatrice. Fra le tante, si consiglia di sfregare mezzo limone su quegli aloni sopravvissuti a diversi lavaggi, perché l’acidità tipica del frutto ha l’effetto di staccare lo sporco dalle fibre. Allo stesso modo, si può ricorrere all’aceto per ridonare luminosità ai bianchi e per mantenere la lavatrice sana, così come a un composto tra acqua e sale grosso per macchie di caffè, vino e altre bevande.

22 settembre 2013
Lascia un commento